CANAVESE – I “rospodotti” consentono agli anfibi di evitare di essere schiacciati dagli autoveicoli quando attraversano le strade extraurbane.

Nelle settimane scorse, per il sesto anno consecutivo, il Servizio Tutela Fauna e Flora e il rospodottoServizio pianificazione e gestione rete ecologica e aree protette della Città Metropolitana, hanno portato a termine la campagna di tutela dei rospi e delle rane durante la migrazione riproduttiva, grazie proprio alla realizzazione di “rospodotti”.

Le specie maggiormente coinvolte nella migrazione sono il Rospo comune, la Rana dalmatina e il Rospo smeraldino.
I batraci vengono “convogliati” con apposite reti verso i rospodotti o verso strutture preesistenti, che permettono il superamento delle sedi stradali nel viaggio dai siti di svernamento agli abituali luoghi di riproduzione e nel ritorno.

Le operazioni del Servizio Tutela Fauna e Flora vengono effettuate nei territori dei Comuni di rospodotto-3Pertusio, Vidracco, Vistrorio, San Giorio di Susa, Rosta e Buttigliera Alta.
Il Servizio pianificazione e gestione rete ecologica e aree protette interviene invece nel territorio del Parco naturale del Lago di Candia.

Intorno al 2000, lungo la Strada provinciale 84 Candia-Caluso vennero installate barriere artificiali mobili a tutela delle centinaia di rospi e rane dalmatine che durante la migrazione riproduttiva si dirigono  verso le sponde del lago di Candia per deporre le uova, grazie ai rospodotto-2finanziamenti della Misura 323 del Programma di sviluppo rurale 2007-2013 della Regione Piemonte, la Città Metropolitana ha rinnovato e reso più efficiente il rospodotto.
Per consentire agli animali di superare incolumi la strada, sono state collocate sotto il manto stradale alcune canaline di cemento con una griglia di aerazione in ghisa.

I vantaggi della soluzione adottata sono la salvaguardia  degli animali che attraversano la rospodotto_6strada, la facilità di manutenzione, l’umidità e l’illuminazione simili a quelle dell’esterno (il che attira gli animali).
Nelle settimane scorse il Servizio Pianificazione e gestione rete ecologica e aree protette ha collocato ai bordi della carreggiata le nuove barriere temporanee che convogliano gli anfibi agli ingressi dei tunnel, garantendone l’incolumità pur in assenza di una sorveglianza diretta da parte di volontari o tecnici.
Di fondamentale importanza in tutta l’operazione la collaborazione delle Guardie Ecologiche Volontarie coordinate dalla Città Metropolitana.

rospodotto_5rospodotto_4rospodotto_6

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here