TORINO – Un ventottenne guineano residente a Quart (AO) era stato accerchiato e derubato mentre acquistava le sigarette ad un distributore automatico in Via Saluzzo, tra l’una e le due di notte dello scorso 9 febbraio.

Il giovane, fermato da cinque uomini con la richiesta di sigarette e soldi per acquistare da Porta-Nuovabere, ha dato le sigarette replicando di non avere più soldi con sé, cercando subito di allontanarsi per mettersi al sicuro, ma due del branco lo hanno raggiunto, gettato con violenza a terra e derubato del portafogli e cellulare dopo averlo colpito alla testa con una bottiglia di birra quasi piena.

Pensavano di avercela fatta i due rapinatori, cittadini algerini in Italia senza fissa dimora, ma la vittima, dopo aver avuto pronta assistenza da due Radiomobili dei C.C. e dal 118 intervenuti sul posto, li ha riconosciuti nella stazione di Torino Porta Nuova verso le sei del mattino, dove si era recato per prendere il treno per Aosta dopo essere stato dimesso dall’ospedale con una prognosi di 7 giorni.

Chiesto aiuto agli Agenti della Polizia Ferroviaria, in servizio di vigilanza nella Stazione, i due autori della rapina sono stati immediatamente bloccati e condotti in ufficio. I successivi accertamenti hanno rivelato che i due algerini, entrambi ventottenni e in Italia da pochissimo tempo, si trovavano in stazione presumibilmente con l’intenzione di prendere il treno diretto a Ventimiglia, e da lì recarsi in Francia. I due uomini, indiziati del reato di rapina in concorso, sono stati sottoposti a fermo di P.G. e accompagnati presso la locale casa circondariale a disposizione dell’A.G.

La vittima ha poi riavuto il portafogli contenente i suoi documenti, rinvenuto sotto i portici di via Nizza da un cittadino marocchino che lo ha consegnato, a fine mattina, agli Agenti della Polfer di Porta Nuova

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here