mercoledì 12 Maggio 2021
spot_img

CUORGNÈ – Dedicata ad Angelo e Giampiero Paviolo, la biblioteca della scuola (CON VIDEO)

CUORGNÈ – Inaugurata all’istituto 25 Aprile la biblioteca della scuola dedicata alla memoria di Angelo e Giampiero Paviolo.

Professore, preside, giornalista e scrittore Angelo, giornalista e anche autore di alcuni libri il figlio Giampiero. Alla cerimonia è intervenuto Massimo Gramellini, giornalista, scrittore e vice direttore de La Stampa che ha concentrato il suo discorso su Giampiero, il quale fu collega a La Stampa.

Giampiero Paviolo, co- fondatore de Il Canavese, ha iniziato a collaborare con La Stampa come corrispondente dalla provincia. Assunto a metà degli anni Ottanta dal quotidiano come redattore di cronaca bianca per seguire la politica torinese e piemontese, è diventato prima caposervizio e poi Capocronista,  guidando la Cronaca cittadina per sette anni. Nel 2006 è diventato responsabile del settore  politico del giornale.

Massimo Gramellini, alla sua morte, avvenuta nel 2012 stroncato da un infarto a soli 54 anni, gli aveva dedicato il suo “Buongiorno”, intitolato “Onore al Bassista”, che riportiamo qui:

“L’altra notte è stata una notte molto lunga, a La Stampa. Alle tre eravamo ancora tutti lì, abbandonati sulle poltroncine della redazione, gli occhi fissi verso l’unica spaventosamente vuota. Ogni tanto qualcuno si alzava per andare a piangere su qualche spalla. Poi, svuotato, tornava a sedersi. C’era un silenzio duro e però tenero, ammorbidito dai pensieri. Poche ore prima il capo della redazione politica Giampiero Paviolo era caduto per strada e per sempre, colpito da infarto. Aveva appena iniziato le vacanze. «Ecco cosa succede ad andare in ferie», avrebbe di sicuro commentato, e in quel silenzio impossibile da rompere sembrava di sentire il riflesso della sua voce sorniona.

Giampiero Paviolo aveva 54 anni. Amava una figlia, una compagna, il Toro, le figurine rare dei calciatori e il lavoro ben fatto. Non scriveva in prima pagina e non andava in televisione. Eppure era un giornalista decisivo, una di quelle persone preparate e miti che rendono un po’ meno invivibili i mondi a cui appartengono, avendo il buongusto, e persino la civetteria, di mantenersi un passo indietro rispetto ai riflettori. In ogni ufficio, famiglia, comunità umana esiste uno come lui. La colonna invisibile su cui si regge l’edificio. Il bassista che, mentre il cantante saltella e gli altri componenti della «band» impazzano con gli assolo, resta nell’angolo più oscuro del palco per dettare il ritmo senza il quale non c’è più musica, solo questo silenzio che non se ne va.”

GUARDA IL SERVIZIO

 

 

[Best_Wordpress_Gallery id=”1531″ gal_title=”01-01-01 Pubblicità”]

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img