ALPETTE – Dire che è stato un successo, è dire poco.

Quasi mille persone hanno “invaso”, ieri, domenica 12 luglio, il Musrai per ascoltare e vedere Mauro Corona.

DSC09021 (Rid)Un risultato aldilà di ogni aspettativa, per l’Associazione La Neve dell’Ammiraglio, organizzatrice dell’evento in collaborazione con la Libreria Cossavella. Diverse persone sono giunte sul posto sin dal mattino. Mauro Corona è arrivato nel pomeriggio, intorno alle 15,30, e ha preso posto sul palco naturale appositamente preparato per lui.  Accanto a lui, Dario Paolo Goglio (La Neve dell’Ammiraglio), chiamato da Corona “l’afgano” e Davide Gamba (Libreria Cossavella).

La gente si è sistemata tutt’intorno, seduta sul prato.
Corona ha presentato il suo ultimo libro, I Misteri della Montagna, parlando ad un pubblico attento, non soltanto del volume, ma di sé, della sua vita, delle sue esperienze. A tratti davvero comico e divertente, a tratti crudo e diretto, proprio com’è nel suo modo di fare. Una comunicazione senza filtri, che è stata apprezzata da tutti e terminata con la magistrale interpretazione del coro I Murfey, di “Signore delle Cime”, cantata in memoria di DSC09101 (Rid)Guido Sartori. Un’esibizione che ha commosso tutti, persino lo stesso Corona.

In vendita c’erano anche 200 dei suoi libri: tutti finiti in un battibaleno.

Corona si è prestato, al termine della conferenza, a firmare i volumi acquistati dalla gente, e non soltanto: c’era chi ha portato i libri precedenti, e chi, non avendolo più trovato in vendita, si è limitato ad acquistare una cartolina, pur di farsi fare un autografo. Per ogni firma una foto. Per circa tre ore, Mauro Corona si è prestato al lunga fila di ammiratori che si era formata per farsi fare l’autografo, dedicandosi completamente a loro.

Un’organizzazione perfetta che ha lasciato tutti soddisfatti, grazie anche alla collaborazione con l’Aib e la Protezione Civile di Alpette. DSC09125 (Rid)
Nell’aria si poteva respirare la semplicità e l’amore per la montagna, vero ed assoluto.

Il posto e la gente hanno lasciato in Mauro Corona un’impronta positiva. «Sono davvero contento di avere accettato quest’invito – ha affermato lo scrittore, scultore e alpinista – perché ho trovato gente meravigliosa ed accogliente, nonché delle montagne stupende.» Inoltre ha porto i meritati complimenti all’Associazione per il lavoro svolto al Musrai, per come hanno trasformato il posto.

Una giornata memorabile, che lascia il posto ad un nuovo evento al Musrai: la Candelata che si terrà il 2 agosto.

GUARDA L’INTERVISTA IN ESCLUSIVA PER OBIETTIVONEWS A MAURO CORONA

GUARDA IL SERVIZIO

 

GUARDA LA PHOTOGALLERY

[Best_Wordpress_Gallery id=”220″ gal_title=”12-07-15 Alpette Corona”]

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here