ALESSANDRIA – I Finanzieri del Gruppo di Tortona hanno concluso un’ispezione nei confronti di una locale società di capitali, operante nel settore della costruzione di strade, autostrade e piste aeroportuali, che ha nascosto al Fisco, complessivamente, 13 milioni di euro tra ricavi non dichiarati, imposta sul valore aggiunto e imposta regionale sulle attività produttive.

L’azienda è stata individuata a seguito di indagini di polizia giudiziaria, delegate dalla magistratura alessandrina, volte a dacclarare ipotesi di reato di natura fallimentare, poi concluse con gdfil deferimento dei due amministratori (di fatto e di diritto) per bancarotta fraudolenta, preferenziale e documentale.

L’impresa è risultata rivestire lo status di “evasore totale” per aver omesso la presentazione del la prescritta dichiarazione dei redditi, sottraendo al Fisco ricavi milionari.
Alla ricostruzione del volume d’affari le Fiamme Gialle sono giunte partendo dall’esame della documentazione contabile ed extra – contabile acquisita nel corso delle indagini svolte

nonché da quella reperita, successivamente, anche presso soggetti terzi con i c.d. “controlli incrociati”, e seguiti nei confronti di oltre 150 imprese e/o persone fisiche risultate clienti e fornitori.

Nei confronti dei due amministratori sono, anche, scattate le denunce alla competente AG. per i reati di natura tributaria, in particolare per omessa dichiarazione.

E’ stata, altresì, proposta l’adozione all’Autorità Giudiziaria di un provvedimento di sequestro preventivo per equivalente di beni, finalizzato alla successiva confisca, per un valore

di 2,6 milioni di euro.

Gli uffici dell’Agenzia delle Entrate di Alessandria sono ora stati attivati per il recupero dei tributi evasi e per l’irrogazione delle previste sanzioni di natura amministrativa.

.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here