lunedì 14 Giugno 2021
lunedì, Giugno 14, 2021
spot_img

RIVAROLO – Davoleriès a Casa Toesca (CON VIDEO)

RIVAROLO – Nuova mostra a Casa Toesca, per Areacreativa42

Sabato 23 maggio è stata inaugurata “Davoleriès”, una selezione di opere del fotografo Mauro Davoli, finalista nel 2013 del Premio Carlo Bonatto Minella, esposta fino al 28 giugno.

La mostra è stata curata da Karin Reisovà e Sergio Manca. Un’altra esposizione che rientra nel progetto “Giovani curatori” e propone un percorso attraverso immagini scelte da quattro diverse serie dell’artista: le Conchiglie, La Défense, Burano e i Transfers.

La mostra intende offrire uno sguardo ampio sulla carriera pluridecennale di Davoli.

L’affascinante serie dedicata alle conchiglie è parte di un ampio ragionamento sulla natura morta, ispirato all’arte fiamminga e olandese del Seicento, in particolare al pittore Adrien Coorte.

La cultura visiva di Davoli è il punto di partenza anche per la serie sviluppata in molti anni ma eccezionalmente omogenea, dedicata ai muri dipinti dell’isola di Burano.

L’ultima parte della mostra è dedicata a una serie quasi inedita, denominata Transfers, ottenuta grazie a un particolare processo di elaborazione, trasferimento e stampa dalle pellicole Polaroid. La tecnica utilizzata permette all’artista di restituire immagini di teschi animali con estrema delicatezza estetica, privandole di qualsiasi crudezza.

Mauro Davoli nasce a Fornovo Taro, in provincia di Parma, nel 1955. Durante i suoi studi di ingegneria a Bologna, inizia a occuparsi con successo di fotografia, per poi dedicarvisi esclusivamente già a partire dal 1981. Si specializza in fotografia di architettura e di design, collaborando prima con lo studio milanese Alchimia e poi con riviste di prestigio quali «Domus», «Casabella», «AD», «Materia», «FMR», «Décoration Internationale». Realizza inoltre numerosi reportages in Italia e all’estero, collabora con importanti studi pubblicitari, studiando immagini per le campagne di alcuni fra i più celebri marchi del mercato internazionale. Nel 2002 diventa il primo artista vivente a cui venga dedicata la copertina di un numero della rivista di franco Maria Ricci.
Negli ultimi anni le sue opere sono state esposte in numerose mostre collettive e personali in Italia, Francia e Stati Uniti.

GUARDA IL VIDEO

 
[su_youtube_advanced url=”https://youtu.be/sSD9ukuVu-o”]

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img