OZEGNA – Sabato 23 maggio alle 18, presso la chiesa della SS. Trinità di Ozegna (piazza Umberto I), verrà inaugurata la mostra “I PRATI E LE CIMINIERE. Matté Trucco: da figlio di emigranti a progettista del Lingotto. L’industrializzazione del Canavese Nord Occidentale tra ‘800 e ‘900”

La mostra nasce dal desiderio dell’Associazione ‘L Gavason di Ozegna, che da tempo cura la pubblicazione di un periodico locale dando vita  contemporaneamente ad iniziative culturali e Ozegna mostra (RID)sportive,  di  promuovere presso un più vasto pubblico, la scoperta e conoscenza di personalità e fatti  che hanno lasciato una impronta nel tempo  e dato una spinta verso il futuro ad  Ozegna ed al territorio.

Fra le personalità che hanno lasciato un segno ma poco “nota”  si annovera la figura dell’ingegner Giacomo Matté Trucco.

La mostra “ I prati e le ciminiere…” si pone lo scopo di far risaltare più compiutamente questa figura, alla quale la Città di Torino nell’anno 2013 ha dedicato una via nella zona Oval Lingotto.

L’ingegner Giacomo Matté Trucco nato a Trévy (Francia) il 30 gennaio 1869 da genitori canavesani emigrati in Francia, vissuto  ad Ozegna  dove è sepolto, è stato  l’ideatore e il progettista del Lingotto di Torino, inaugurato ufficialmente da Vittorio Emanuele III il 15 maggio 1923.

Personaggio dai molti interessi si laureò nel 1893 in ingegneria industriale dopo aver conseguito nel 1890 la licenza in scienze fisico-matematiche presso l’Università di Torino, ottenendo in seguito il certificato di “capacità nelle applicazioni industriali dell’elettricità” .

Di Matté Trucco sono gli ampliamenti di via Cigna e della maggior parte degli altri stabilimenti Fiat realizzati nell’arco dei primi venti anni del ‘900 ed a lui  sono attribuiti fra gli altri il progetto della villa a Levanto e l’intervento per la cupola in cemento armato del Teatro Regio di Torino.

Si  dedicò agli studi e agli esperimenti sul calcestruzzo armato, quali le travi forate e la scala ad alzata sfalsata del Lingotto, ma realizzata ed ancora visibile pure presso la cascina del Santuario Madonna del Bosco dove era la sua residenza privata.

L’intento della mostra, oltre a far emergere la figura dell’ingegnere, è anche quello  di portare alla luce la realtà della società coeva al Matté Trucco nel Canavese nord-occidentale.

Il  percorso si alterna tra  la figura del Matté Trucco e  la realtà sociale,  il modo di vivere della società del tempo, evidenziando sia la migrazione verso l’estero sia quella che vide la trasformazione dei contadini in operai, le conseguenze e gli effetti che ciò ebbe sia sull’ambiente (costruzioni e potenziamenti di strade, ponti, ferrovie…) sia sulle persone stesse alterando un modo di vivere consolidato nel tempo.

La visita si snoderà tra pannelli esplicativi, disegni e progetti del Matté Trucco, foto d’epoca, oggetti.

All’ingegner Matté Trucco è stata intitolata la Scuola Primaria di Ozegna.

La mostra ha il patrocinio della Città Metropolitana Torino, Confindustria del Canavese e Comune di Ozegna.

Periodo di apertura:        23 – 31 maggio 2015

ORARI: martedì 26, mercoledì 27, giovedì 28:                    20,00 – 22,00

Venerdì 29                                                               17,00 – 22,00

Sabato  30                                                                      14,30 – 19,30

Domenica 24 e domenica 31                                10,00 – 12,00 / 14,30 – 19,30

Lunedì 25                                                                      Chiuso

 

Nel periodo della mostra si terranno le seguenti conferenze presso la
Sala Consiliare del Comune di Ozegna:

. sabato 23 maggio 2015 ore 21: Industrializzazione del Canavese nord-occidentale tra  ‘800 e ‘900  – Ospiti: Rolando Argentero, Emilio Champagne, Enzo Morozzo.

. giovedì 28 maggio 2015 ore 21: La figura dell’ing. Giacomo Matté Trucco – Ospiti: Antonio besso Marcheis, Cristina Ghiringello, Angelo Mistrangelo, Guido Novaria.

GUARDA IL VIDEO

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here