ATTUALITÀ – Medici italiani sempre più stressati e malati a causa dell’aumento dei carichi di lavoro.medico stressato (RID)

Costretti a lavorare gestendo dai 12 ai 22 pazienti al giorno, con 7-16 guardie al mese, lavorando anche dopo il turno notturno, sono molti i medici che soffrono di malattie cardiovascolari e

metaboliche, disturbi del sonno e psicologici. Questo il quadro che emerge dalla ricerca condotta online dall’Anaao-Assomed giovani (Associazione dei medici ospedalieri) su 1925 medici.

Obiettivo dell’indagine valutare le problematiche connesse all’aumento dei carichi di lavoro nella sanità pubblica. Il quadro che ne esce non è confortante. Per il 73.59% da almeno 2 anni non viene assunto alcun medico nel proprio reparto, mentre per quasi la metà del campione (48%) da almeno 5 anni. Ciò si verifica prevalentemente (40.78%) nelle regioni sottoposte negli ultimi anni ai piani di rientro, dove si sono avuti tagli fino al 15%. Come carico di lavoro, oltre la metà (54%) ha riferito di visitare tra 0 e 11 pazienti al giorno, il 20,6% tra 12 e 16, il 25.4% tra 17 e oltre i 22 pazienti.

Per quanto riguarda i turni di lavoro notturno, il 33,3% ne fa da 1 a 3 mensili, il 25,5% da 4 a 5, il 10, 8% tra 6 e 7, e il 5% più di 8 turni. Quasi un terzo (33 %) svolge attività clinica dopo il

turno notturno, e quasi il 40% effettua tra le 150 e oltre 250 ore di straordinario l’anno. Un quadro che ha delle conseguenze sullo stato di salute dei medici italiani: il 41% è affetto da malattie cardiovascolari e patologie metaboliche accertate o sospette, il 40% ha disturbi del sonno.

L’influenza negativa dell’attività lavorativa sui bioritmi quotidiani è testimoniata anche dal fatto che il 65.5% del campione non riesce ad usufruire con regolarità della pausa pranzo, mentre il 54.8% non riesce ad effettuare sport per mancanza di tempo e per il 77,5% la propria vita privata viene condizionata negativamente dal lavoro. ”Si apre uno nuovo spazio per l’attività sindacale – commenta Costantino Troise, Segretario Anaao Assomed – chiamata a collocare la politica del miglioramento delle condizioni di lavoro in un contesto generale”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here