CASTIGLIONE TORINESE (TO) – “Il TAR del Piemonte, con sentenza n.2031del 19 dicembre2014 ha accolto il ricorso sostenuto e fortemente voluto dal Movimento5 Stelle di Castiglione presentato da 5 cittadini Castiglionesi unitamente all’Associazione Pro-Natura, grazie al sostegno del Movimento 5 Stelle Piemonte che ha messo a disposizione la competenza dei suoi tecnici e la professionalità dello studio legale Crucioli.

I Giudici hanno annullato alcuni provvedimenti emessi dall’Amministrazione comunale CASTIGLIONE T.SE (304 x 166)di Castiglione Torinese relativi alla Variante n. 6 al PRGC che prevedevano l’insediamento di un nuovo Centro Commerciale di oltre 10.000 mq.

A questa variante il Movimento 5 stelle di Castiglione si è opposto con tutte le sue forze ritenendo l’insediamento di un nuovo centro commerciale inutile e dannoso dal punto di vista commerciale, occupazionale e con forte impatto ambientale .

Il TAR ha ritenuto fondata l’ accezione della parte ricorrente secondo cui nell’atto di pianificazione territoriale che costituisce il quadro di riferimento per la realizzazione di un centro commerciale (Variante n.6) è venuto meno un passaggio obbligatorio come la VAS (Valutazione Ambientale Strategica) unico modo per garantire la completezza della indagine su significativi effetti sull’ambiente.

La sentenza acquista particolare rilevanza perché determinerà un impatto sulla normativa regionale e di conseguenza sulla programmazione e pianificazione del territorio regionale e sugli atti futuri che le Amministrazioni saranno chiamate ad adottare, chiarendo un aspetto nodale nelle controversie amministrative e cioè l’obbligatorietà di sottoporre a VAS quei piani o programmi che costituiscono un quadro di riferimento per la realizzazione dei progetti elencati negli allegati II, III e IV del D.Lgs. 152/06 e nello specifico quei piani e programmi che costituiscono quadro di riferimento per la realizzazione di centri commerciali. Il Tar è giunto a tale conclusione evidenziando come le singole leggi regionali non possano intaccare l’elevata soglia di tutela dell’ambiente garantita dalle norme nazionali e comunitarie. Questa sentenza è per i cittadini castiglionesi (e non solo!) tanto più importante perché determina maggiori tutele in un paese che ha visto nel corso degli anni devastato il proprio territorio, cancellato le testimonianze storico-artistiche e depauperato il paesaggio naturale da mere logiche speculative.

Elisabetta Fumarola, M5S Castiglione Torinese

Davide Bono, Consigliere regionale M5S Piemonte

Silvia Chimienti, Deputato M5S”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here