[label style=”important”]Ascolta l’articolo[/label][audiotube id=”t4JyFL2VABA” tiny=”yes”]

TRAUSELLA – A due mesi dal voto, la giunta guidata da Mario Marubini traccia un primo bilancio delle attività del comune di Trausella.

municipio-antica-sede-trausellaSpiega il Sindaco: “Innanzitutto, guardandoci intorno in paese, si cominciano a vedere i positivi risultati dei primi piccoli interventi di abbellimento, sistemazione e manutenzione realizzati in modo volontario da alcuni cittadini che hanno accolto il nostro invito in campagna elettorale a mettere le proprie competenze al servizio della collettività. In giunta è stata fatta una apposita delibera che, a breve, approderà in consiglio, riguardante proprio l’attività volontaria di pubblica utilità. Coloro che decideranno di prestare la loro opera saranno coperti da due assicurazioni: quella di responsabilità civile (RC) e una classica polizza infortuni che non peseranno sul bilancio del Comune perché sono semplicemente estensioni di polizze già in essere. La creazione di questo genere di collaborazione tra amministrazione e cittadini, già prevista come punto programmatico del nostro programma elettorale, in un periodo in cui le risorse, inutile dirlo, scarseggiano, ci permette di tirare un respiro di sollievo.

I risultati non si sono fatti attendere. Sono già significativi i risultati a carico dell’area dell’antico lavatoio secolare, che è stato ripulito e in cui, a breve, potrebbero essere inserite delle nifee. Nel contempo, sono state ritinteggiate e risistemate le inferiate dell’antica sede del palazzo comunale e lo stesso è stato ulteriormente abbellito con dei vasi di gerani”.

Entro fine luglio verrà anche ultimata la “piastra ecologica”, fatta costruire dal precedente sindaco Michelangelo Boglino, e Marubini, affiancato dalla sua amministrazione, evidenzia: “Abbiamo pensato ad uno spazio per la raccolta degli sfalci verdi e degli ingombrati. L’accesso al sito di conferimento avverrà secondo gli orari degli uffici comunali. Infatti, gli utenti dovranno richiedere la chiave, firmare e rifirmare al momento della consegna dichiarando la tipologia di materiale conferito”.

Non mancano le politiche culturali e di rilancio del territorio e il Primo Cittadino dichiara: “Stiamo lavorando, anche di concerto con altri comuni della valle, per proporre un calendario di manifestazioni culturali di buon livello e, al tempo stesso, abbiamo ripreso i contatti per tornare ad occuparci, anche con il comune di Traversella, degli impianti di Palit. A questo proposito, recentemente, vi sono state due importanti riunioni. Una riguardava il chiarimento, presso la Comunità Montana Valchiusella Valle Sacra e Dora Baltea, della proprietà dei basamenti dell’impianto che risultano, in via definitiva, essere di Trausella, come previsto dagli atti in essere. Una seconda riunione, avvenuta con il sindaco di Traversella, ci ha permesso di formulare alcune ipotesi per un eventuale futuro rilancio dell’impianto e per arrivare alla definizione di un appalto, da riservarsi unicamente a società terze, che preveda ricadute economiche e organizzative importanti sulla valle e che non veda i comuni direttamente coinvolti nella gestione”.

In ultimo, ma non per ultimo, non saranno sfuggiti agli abitanti i massicci lavori in corso a carico della sede degli uffici comunali.

Dicono dall’amministrazione: “ In tempi brevissimi, abbiamo spostato gli uffici comunali presso l’antica sede, perfettamente già restaurata, di via Giusti, presso cui funziona un ascensore a disposizione di coloro che hanno difficoltà ad affrontare le scale. Nel frattempo, la sede comunale attuale, vecchio edificio scolastico del paese, verrà completamente ristrutturata. Il pacchetto di lavori è già avviato ed è stato possibile grazie ai fondi per i comuni confinanti con le regioni a statuto speciale che l’amministrazione precedente seppe utilizzare con saggezza. Verrà rifatto il tetto, inserendo anche un impianto a pannelli fotovoltaici, con una produzione di energia che certo porterà un notevole contenimento energetico e un interessante risparmio. Saranno anche cambiati tutti gli infissi, ormai obsoleti, e l’intero stabile sarà isolato termicamente pur mantenendone inalterata la struttura. Al termine dei lavori, verrà anche riaffissa la lapide commemorativa dedicata ai benefattori che, all’inizio del ‘900, realizzarono la struttura che, allora, avrebbe accolto le scuole trausellesi”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here