RIVAROLO CANAVESE – Una campagna elettorale senza esclusione di colpi di scena. Così si sta presentando il periodo pre-elettorale a Rivarolo.

comune rivaroloSul fronte del centro sinistra, dopo l’annuncio del gruppo “Rivarolo Sostenibile”, capeggiato da Marina Vittone, di correre comunque da soli, arriva la proposta di Guido Novaria, “Alleanza per Rivarolo”, rivolta ad Alberto Rostagno e a Marina Vittone: “Solo un miracolo, dicono nel centrosinistra a Rivarolo, può evitare la nascita di un’altra lista, indebolendo una coalizione che vorrebbe conquistare Palazzo Lomellini dopo il commissariamento per mafia. – Afferma Guido Novaria – Dico che basterebbe soltanto un po’ di buon senso, meglio della proposta di ticket Rostagno-Vittone, che riscatterebbe gli errori fatti da entrambe le parti  in questa fase finale di trattative. Rostagno accolga Marina Vittone nella sua lista, verifichi il suo “peso elettorale” e le offra, in caso di vittoria, la presidenza del Consiglio comunale. Marina Vittone rinunci alla sua lista che nasce soltanto con spirito di rivalsa (o di vendetta?) piuttosto che su contenuti programmatici alternativi.”

Nel frattempo, mentre Marina Vittone non attende risposte e comunica ufficialmente la sua candidatura a Sindaco,  Renato Navone si appresta a presentare ufficialmente i componenti della sua lista “Rivarolo e Frazioni” (sabato 12 aprile, ore 15 presso l’Hotel Rivarolo), e il Movimento 5Stelle attacca, con un comunicato stampa la decisione presa da Riparolium di indicare quale capolista l’ex Sindaco Fabrizio Bertot:

“Vorremmo ricordare ai concittadini che il 25 maggio 2012 il Presidente della Repubblica decretava che “Dagli accertamenti investigativi é emersa la presenza di una fitta rete di connivenze e cointeressenze tra amministratori, esponenti del mondo imprenditoriale e le locali cosche anche a Rivarolo Canavese … In particolare, dalle risultanze delle indagini della magistratura é emerso che, nel corso della tornata elettorale del 2009, il sindaco di Rivarolo Canavese é stato sostenuto, con l’intermediazione del segretario generale nonché direttore generale del comune e di esponenti della ‘ndrangheta canavesana”

I cittadini del Movimento 5Stelle di Rivarolo – proseguono – si sentono in dovere di esprimere la propria indignazione mista ad incredulità in merito alla candidatura dell’ex Sindaco Fabrizio Bertot nella lista Riparolium del suo ex Assessore Martino Zucco Chinà.

Non denunciare il proprio sgomento, tacendo, farebbe sentire il Movimento parte di quella “rete di connivenze”: ci si domanda se fosse necessaria la candidatura dell’ex sindaco Fabrizio Bertot visti i ventiquattro mesi di commissariamento che la cittadina ha dovuto subire. Ci si domanda altresì, vista la procedura di richiesta di incandidabilità ancora in itinere, cosa succederebbe in caso di approvazione della stessa.

L’incredulità si accentua se si pensa che, per potersi candidare alle future amministrative, il Movimento Cinque Stelle ha dovuto, giustamente, richiedere certificato penale e carichi pendenti di ogni singolo componente della lista!”

«Abbiamo deciso di nominare Fabrizio Bertot capolista – spiega il candidato Sindaco di Riparolium Martino Zucco Chinà – proprio per quel senso di continuità della nostra lista, rispetto alla trascorsa amministrazione. Inoltre, secondo la Cassazione, l’inchiesta Minotauro non prova che nella nostra Regione sia presente l’n’drangheta. Infine, sottolineo – conclude – che possiamo mettere Bertot capolista perché non è indagato, quindi può benissimo ricandidarsi.»

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here