Guarda il servizio Guarda la Photogallery

TORINO – La 32° edizione di Automotoretrò è stata un successo.

automotoretroOrganizzata da Bea in collaborazione con GL -Events Italia Lingotto Fiere, ha superato il record di affluenza, rispetto lo scorso anno, del 16,4%.

Abbinata ad Automotoracing, Auotomotoretrò è stata un polo di attrazione per un pubblico sempre più variegato: collezionisti, appassionati di auto d’epoca e da corsa, addetti ai lavori e semplici curiosi.

«Siamo soddisfatti – afferma Beppe Gianoglio organizzatore di Automotoretrò – abbiamo avuto un incremento di pubblico e di stand. Gli espositori sono soddisfatti, soprattutto sotto il profilo commerciale. Noi siamo contenti che l’iniziativa continui ad attrarre addetti ai lavori, appassionati e gente comune. La città di Torino si conferma capitale del motorismo storico, ma non solo anche Automotoracing sta diventando un punto di riferimento per gli amanti delle corse. Ora inizieremo a  lavorare all’edizione del 2015, che ci auguriamo che sia ancora migliore.»

Automotoretrò è stata anche l’occasione per il 60° compleanno della “Ali di gabbiano”: la Mercedes 300 SL. La casa tedesca ha infatti deciso di utilizzare questa fiera per celebrare uno dei suoi modelli più affascinanti.

Gli eventi che si sono succeduti in questa tre giorni hanno coperto un largo ventaglio di offerte, e gli appassionati hanno potuto, cimentarsi , nell’area esterna, in prove di alta velocità e abilità di guida.

All’interno si è svolta anche la terza edizione di Piemonte Custom, organizzata da F.I.C. Federazione Italiana Customizers (F.I.C.), l’Associazione Nazionale dei Costruttori di Motociclette speciali Piemonte Custom è nata per raccogliere, all’interno della fiera, i gruppi motociclistici, i Motoclub, i costruttori di motociclette speciali “Customizers” e l’indotto di questo mondo, ossia i concessionari, i venditori di accessori, abbigliamento, affiancati, nei padiglioni, ai diversi espositori di modellismo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here