EatonRIVAROLO CANAVESE – Entro novanta giorni i proprietari dell’ex stabilimento Eaton (chiuso ormai da diversi anni) dovranno provvedere alla bonifica del tetto, procedendo con la rimozione totale delle lastre ondulate in eternit, manto di copertura dell’immobile situato in frazione Pasquaro. L’ordinanza è stata notificata al Procuratore dell’azienda, dalla Commissione Straordinaria che sta amministrando il Comune di Rivarolo Canavese.

Le richieste di messa in sicurezza e di smantellamento delle coperture da parte dei cittadini della frazione, risalgono al 2007. In seguito l’azienda aveva dato incarico a una ditta, di eseguire continui monitoraggi sullo stato di conservazione e sulle fibre di amianto disperse. Infine, all’inizio di marzo, è stato chiesto all’Arpa di effettuare il sopralluogo, per avere riscontro sull’effettiva situazione.

Alla relazione tecnica dell’Arpa si è unito anche il parere dell’AslTo4 risalente alla seconda metà di maggio, dalle quali è emerso che le lastre di eternit di uno dei due edifici (quello esterno) si trovano in condizioni scadenti, mentre quelle a copertura dell’immobile interno allo stabilimento, si trovano in discreto stato di conservazione, tanto da far rilevare, per la popolazione, un livello medio di esposizione alle fibre di amianto. Per queste ultime, la Commissione Straordinaria ha disposto che venga effettuata la valutazione dello stato di conservazione, a cadenza annuale, a cura di un tecnico specializzato.