sabato 4 Febbraio 2023

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

Direttore Responsabile: Magda Bersini

spot_img

RIVAROSSA – La festa sociale dell’associazione di Protezione Civile “La Torre” (FOTO)

Una festa sociale andata in scena ieri, domenica 4 dicembre, ma preceduta, sabato, da un’esercitazione di ricerca di persone scomparse nell’area del Master

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:

RIVAROSSA – Giornata di festa per i volontari dell’associazione di Protezione Civile “La Torre”. L’occasione per tutto il gruppo di ritrovarsi attorno ad un tavolo, senza emergenze da affrontare, senza persone da soccorrere, senza calamità da fronteggiare o, per ripensare agli ultimi anni, senza mascherine da consegnare casa per casa o pacchi spesa da portare nelle abitazioni di chi, positivo, non poteva uscire. Una festa sociale andata in scena ieri, domenica 4 dicembre, ma preceduta, sabato, da un’esercitazione di ricerca di persone scomparse nell’area del Master.

Ieri mattina chi è passato per il centro di Rivarossa ha potuto ammirare alcuni dei mezzi che la Protezione Civile utilizza per le proprie attività, oltre a tutto il gruppo al gran completo. Gruppo che, dopo la messa celebrata a San Rocco alla presenza dei labari della varie associazioni del territorio, ha concluso la giornata con il pranzo sociale. «Doveroso, in quest’occasione, fare dei ringraziamenti – commenta Michele Ferrara, Presidente del sodalizio, nonché vice responsabile territoriale della logistica e istruttore per le macchine per il movimento terra e i camion – Innanzitutto a tutto i volontari, sempre pronti a fare la loro parte quando le necessità lo richiedono. E poi un grazie al Presidente regionale Marco Fassero, presente alla nostra festa, al Presidente del coordinamento Leonardo Capuano, al Responsabile della logistica Renato Brencella e al Presidente del Com di Cuorgnè Luca Cattaneo. Un grazie anche al Coordinamento, che ci ha permesso di esporre in questa occasione alcuni dei mezzi». Presente alla giornata anche il Sindaco, Enrico Vallino: «Non posso che esprimere il mio ringraziamento ai volontari e il mio apprezzamento per quanto hanno sempre fatto a favore del territorio e dei suoi abitanti. E sottolineare la professionalità e la competenza con cui hanno sempre operato».

Ultima parentesi, durante il pranzo, la consegna degli attestati di riconoscimento ai volontari per: «…l’opera e lo svolgimento delle attività di contrasto alla pandemia negli anni 2020 – 2022».

© Riproduzione riservata

------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img