lunedì 15 Agosto 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

SPOSA E MADRE A CINQUANT’ANNI?

Dalla​​ posta del cuore di Alessandra Hropich

spot_img

Carissima Alessandra, dopo qualche fidanzamento sporadico, avevo chiuso con l’idea del matrimonio, dei figli, della famiglia. Ma ho incontrato un uomo speciale che mi piace anche a livello mentale ed ora sono incinta e lui vuole sposarmi.
Non ti sembra fuori luogo un progetto tanto bello ed impegnativo a cinquant’anni?
I figli li puoi crescere bene a venti, trenta anni, non è così?
Non sarò un peso per un figlio giovane quando invecchierò? Cosa dirà la gente?
Ci tengo moltissimo a sapere la tua opinione al riguardo, Alessandra, visto che ti stimo moltissimo e la tua opinione mette il mio cuore in pace.
– Lilly da Roma


Cara Lilly, tu hai conosciuto soltanto ora l’uomo giusto, dov’è il problema?
Da giovanissimi, decidono gli ormoni, in età matura, nascono talvolta gli amori più veri.
Un figlio è meglio averlo da giovanissimi? Sicuramente la natura aiuta molto le donne più giovani ma lo sai anche tu.
Ma quando un figlio arriva più tardi, non vedo perché farsi dei problemi.
Quello che pensa o dice la gente non vale nulla. Per gli altri, non conta la tua felicità, nessuno ti chiede cosa realmente vuoi tu, tutti però si sentono giudici.

È logico che un figlio concepito a venti anni abbia un genitore più giovane ma quante ventenni (oggi) sono in grado di mantenere i figli e badare a loro in modo responsabile? Quante ragazze vedo in giro impegnate solo a chattare e con il cellulare tutto il giorno e/o alle prese con mille tatuaggi, unghie finte, sopracciglie finte, con nuove relazioni e con poco senso di responsabilità oltre che poche disponibilità economiche personali ma soprattutto noto molta voglia di vivere liberamente.
Una giovane donna può curare il suo aspetto ma non essere una bambina eterna mentalmente, sennò cresce figli immaturi.
Un figlio viene cresciuto bene da genitori giovani? Dipende, non è la regola.
Tanti giovani ripiegano affidando i bimbi ai nonni ma i figli non sono pacchi da lasciare in custodia a qualcuno. Se si mette al mondo un figlio è solo per un atto d’amore ma senza prevedere cosa succederà in futuro.
Il tuo caso mi ricorda il commento di un Tizio che criticava una donna di mezza età perché decideva di avere un figlio, sostenendo (lui) che la mamma non potrà un giorno aspettarlo abitualmente (perché anziana) fino alle tre del mattino fuori la discoteca (sue testuali parole).
Ho sorriso leggendo un simile commento e mi domando quanto sia affidabile un giovane che resta di regola fino alle ore piccole in discoteca, quale futuro possa avere questo ragazzo e la madre anziana dove verrebbe poi collocata?
Raccolgo da anni testimonianze di genitori abbandonati dai figli o in case di riposo o nella loro casa fino al giorno in cui i figli finalmente si rifanno vivi per mettere in vendita la casa rimasta libera.


Ci sono anche i figli amorevoli verso i genitori anziani ma non sono poi così tanti. Poi naturalmente ho amici che si giustificano dicendo di non aver messo al mondo dei futuri badanti, dunque dicono di voler loro stessi trascorrere in futuro la vecchiaia in una casa di riposo ma non so quanto sia vero.
Alla luce delle dichiarazioni dei genitori che non amano pesare sui figli, cara Lilly, ti dico che, avere dei figli, è un atto egoistico in ogni caso, ci piace l’idea che qualcuno esisterà dopo di noi ma non dobbiamo farci illusioni o mettere in preventivo cosa accadrà e come saranno i figli verso di noi, nemmeno se una madre li concepisce da giovanissima, avrà mai certezza di nulla.
Dunque, se la natura ti ha permesso di restare incinta, prendi il dono senza porti domande perché nemmeno le mamme ventenni hanno le risposte né sanno se i loro figli si prenderanno un giorno mai cura di loro.

Un amore che nasce, un figlio che arriva sono frutti di un albero meraviglioso che è la vita.
Accogli dunque con gioia il tutto perché la vita è cambiamento, non temerlo, la staticità è un brutto segno.
Un mio amico, che pur ha sempre lavorato, trova però il lavoro da lui desiderato a cinquanta anni a Bruxelles lontano dalla famiglia rimasta in Italia.
È un esempio che riguarda la vita lavorativa, certo ma il mio amico ha scelto con egoismo di fare ciò che desiderava e non si è mai pentito.
Lilly, la natura è dalla tua parte regalandoti una nuova vita e l’ amore, vivi tutto ciò e non chiedere il permesso a nessuno.
Diventa sempre la migliore versione di te stessa ed una nuova vita può darti tutto quello che hai sempre desiderato.
Ricorda che da vecchi, si è dispiaciuti solo per ciò che non si è fatto.

Potete indirizzare le vostre domande anche scrivendo un messaggio privato al link:
https://www.facebook.com/La-mia-Posta-del-cuore-104883382245294/

posta cuore
LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img