martedì 31 Gennaio 2023

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

Direttore Responsabile: Magda Bersini

spot_img

TORINO – Boom di presenze negli agriturismi di Terranostra

Dopo due anni di pandemia torna l’ottimismo. Tutto esaurito nelle giornate di Pasqua e Pasquetta

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:

TORINO – Pasqua e Pasquetta sold out per gli agriturismi Terranostra della provincia di Torino, l’associazione che promuove l’ospitalità agricola, con circa 10mila presenze a tavola. Il bel tempo, ma soprattutto, la voglia di ritrovarsi dopo due anni di restrizioni anti Covid, ha spinto il boom di prenotazioni dalle vallate alla collina passando per le fattorie di pianura.

«Le famiglie  trovano l’agriturismo un ambiente rilassante, grazie al verde e agli animali, e genuino, grazie ai prodotti delle nostre fattorie. Dopo due anni di feste di Pasqua praticamente cancellate, è sembrato che questo weekend di sole primaverile desse il via ad una stagione, finalmente di serenità. La voglia di relax ha spinto le prenotazioni negli agriturismi perché nelle nostre strutture si vive un rapporto più informale. Molti sono dei fedelissimi di Pasqua: preferiscono pranzare nelle nostre strutture perché da noi trovano un ambiente più famigliare e, rispetto a ristoranti su strada, i bambini sono più liberi e possono vedere gli animali accompagnati dai genitori. I clienti degli agriturismi hanno apprezzato i pranzi con i prodotti genuini degli agricoltori, tra cui agnelli e capretti allevati in cascina, ma anche uova delle galline ruspanti con cui sapienti agrichef hanno impastato tajarin e sfoglia da agnolotti; senza dimenticare le verdure appena nate come gli asparagi» ha commentato il presidente di Terranostra Torino, Jacopo Barone.

Intanto, si registra il tutto esaurito anche per il weekend lungo del 25 aprile, mentre tornano le prenotazioni per celebrazioni famigliari e festeggiamenti di gruppo.

«Ci aspettiamo una buona stagione turistica mentre nei weekend tornano anche le celebrazioni e le feste c he per due anni sono state rimandate. Matrimoni, prime comunioni, cresime, ma anche anniversari e compleanni stanno tornando ma senza il sovraffollamento pre covid. Prima erano tutti concentrati a maggio, adesso arrivano prenotazioni anche per tutto giugno. Se si mantenesse questa abitudine di utilizzare anche mesi meno tradizionali sarebbe meglio per noi e meglio per i clienti che vivranno le loro feste senza incappare per forza negli affollamenti degli anni scorsi» ha concluso Barone.

© Riproduzione riservata

------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img