venerdì 27 Maggio 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

spot_img

PIEMONTE – Ancora segreti i siti torinesi deposito di scorie nucleari

A tal proposito si sono espressi il Presidente di Coldiretti Piemonte, Roberto Moncalvo e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa

PIEMONTE – Sogin ha trasmesso al Ministero della Transizione Ecologica la proposta di Carta Nazionale delle Aree Idonee (CNAI) ad ospitare il Deposito Nazionale per i rifiuti radioattivi e Parco Tecnologico, dopo i 60 giorni dalla chiusura della consultazione pubblica.

A tal proposito si sono espressi il Presidente di Coldiretti Piemonte, Roberto Moncalvo e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa: «Anche se il documento non è ancora stato divulgato, indiscrezioni giornalistiche indicano una presenza ancora significativa di siti piemontesi per cui la nostra Regione risulta particolarmente a rischio tra le sedi idonee ad ospitare il Deposito nazionale dei rifiuti radioattivi italiani per un totale di almeno 150 ettari».

Questo è quanto trapelato in seguito alla partecipazione di Moncalvo al “Tavolo della trasparenza e partecipazione nucleare”, organizzato da Regione Piemonte.

Anche Coldiretti Torino, tramite il suo presidente Sergio Barone, ha espresso contrarietà al riguardo: «Dopo le mobilitazioni a Mazzè e Carmagnola, Coldiretti Torino ribadisce la netta contrarietà del mondo agricolo alla collocazione di un deposito nazionale di scorie nucleari su prezioso terreno fertile. In una fase storica in cui il Torinese, così come tutta l’Italia, si mostra così carente di materie prime alimentari, a partire dal mais e dal grano, non possiamo accettare di vedere compromesse le aree agricole più produttive dove si producono i cereali che servono alle filiere del latte e della carne di qualità o alla panificazione».

Il Piemonte, come precisato da Moncalvo e Rivarossa, è la regione che detiene il maggior quantitativo di radioattività in Italia, nei sei impianti realizzati in passato e, anche per questo è importante escludere la nostra Regione nella scelta del sito per il deposito nazionale.

«In Piemonte il consumo di suolo complessivo è di circa 175.000 ettari pari quindi al 6,9% della superficie totale regionale che è di 2.540.000 ettari. Vanno contrastate le scelte che penalizzano sempre e solo l’agricoltura. Se è vero che sarà garantita la massima sicurezza del sito, allora ci sono siano tante aree industriali, abbandonate e dismesse, site più o meno vicino alle grandi città, che potrebbero servire benissimo allo scopo. Coldiretti ricorda anche che la nostra agricoltura è green, variegata, punta sempre più a progetti di filiera volti a valorizzare i prodotti locali, al biologico, alla difesa e alla tutela della biodiversità e sostenibilità» dichiara Coldiretti.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img