domenica 11 Aprile 2021

CASTELLAMONTE – Polemica vaccino: Santoro, Coppo e Garaffa presentano un’interrogazione; Bartoli è solidale con Mazza

A Rock Politick l'intervista al primo cittadino sulla questione

CASTELLAMONTE – Sulla polemica del vaccino che ha coinvolto il Sindaco Pasquale Mazza, la città è divisa, così come lo è l’opposizione.

Il Gruppo Consigliare per Castellamonte (Rocco Santoro, Valentina Coppo e Fabio Garaffa) ha protocollato un’interrogazione sull’accaduto.

“Consci del momento particolare che sta attraversando il nostro paese, – dichiarano Santoro, Coppo e Garaffa – si è inteso, per il momento, procedere depositando un’interrogazione sugli avvenimenti legati alla somministrazione vaccinale al primo cittadino castellamontese quale soggetto non rientrante tra gli aventi diritto. La minoranza non può e non intende esimersi dal richiedere un doveroso chiarimento sulla vicenda in oggetto. In ragione del nostro mandato a vigilare/monitorare e alla volontà di rassicurare i nostri concittadini sulla funzionalità e sull’andamento della campagna vaccinale, nel rispetto dei relativi protocolli, chiediamo risposte istituzionali, parendoci limitante confinare il dibattito a mere dichiarazioni e osservazioni via social. Pertanto, preme sottolineare come la richiesta di chiarimenti non debba essere interpretata come strumentalizzazione, ma come un’opportunità di far luce sulla triste vicenda e sul “modus operandi” degli attori nella lotta anti-covid al fine di scongiurare il reiterarsi di un tale gesto. L’accaduto potrebbe gettare alcune ombre sia sulle procedure sia sull’applicazione concreta delle stesse. Tale evidenza emerge dal fatto che sia l’organo competente sia “il vaccinato” non abbiano ben compreso lo sconcerto che sarebbe scaturito quale logica conseguenza di un tale gesto. Nel caso di specie, in attesa di un chiarimento, si rimane basiti sul fatto che, ad oggi, non vi sia stata una presa di coscienza sulla gravità del fatto oggettivo, ma si tenda a minimizzare l’accaduto. Ci preme, in ogni caso, rassicurare la popolazione e sottolineare come continueremo a vigilare su qualsiasi aspetto di pubblico interesse.”

L’interrogazione, in cui si chiede il “ motivo per il quale non si è adoperato per ricercare un Cittadino Castellamontese nella fascia degli aventi diritto; il numero degli ultraottantenni e degli ultrasettantenni residenti; il numero di quanti di questi sono stati vaccinati e le tempistiche di attesa” verrà discussa nel prossimo consiglio comunale. Intanto il primo cittadino, intervistato nel nostro programma Rock Politick (in onda oggi, venerdì 19 marzo, alle 12) ha iniziato ad accennare a qualche risposta.

Di parere opposto è l’altro gruppo di minoranza, Viviamo Castellamonte, con il Consigliere Dionigi Bartoli:

“Voglio esprimere la mia più totale solidarietà all’amico Pasquale Mazza – dichiara – che si trova, in questi giorni, nell’occhio del ciclone per aver fatto un vaccino che “non doveva fare”. Conoscendolo posso dire che se anche questa azione può essere sbagliata, è stata fatta in totale buona fede. Io stesso, in quel momento, avrei accettato di farmi vaccinare per non buttare via una dose di vaccino (così importante di questi tempi) e solo successivamente mi sarei reso conto che avrei potuto offrirla a qualcun altro perché il farla personalmente avrebbe portato molti a strumentalizzare il gesto. Quando si ricopre una carica così importante, bisogna stare attenti a cosa si fa ma soprattutto ai vari fraintendimenti che possono accadere. “

E aggiunge: “Sono molto deluso e preoccupato per quello che vedo a Castellamonte, soprattutto nell’ultimo periodo. Vedo una guerra nella guerra. Siamo in una pandemia da un anno e da un anno ci sono alcune categorie di commercianti senza lavoro… ci mettiamo anche a fare la guerra per un vaccino? Mah… vaccino fatto per errore, attacco della lega, scritte minacciose sulle strade, cittadini contro ecc… ma vogliamo essere un po’ più uniti e responsabili da poter uscire il prima possibile da questa situazione? . Invece vedo solo tanta cattiveria. Sono davvero deluso e preoccupato…”

urbanlungo

Leggi anche...

spot_img