domenica 25 Luglio 2021
domenica, Luglio 25, 2021
spot_img

PIEMONTE – Sospesi tutti i ricoveri e le prestazioni ambulatoriali non urgenti, per aumentare i posti Covid

L'Unità di Crisi della Regione Piemonte ne ha dato disposizione ieri sera

PIEMONTE – Sospesi tutti i ricoveri non urgenti. L’aggravarsi della pandemia e la necessità di ulteriori misure per garantire sufficienti posti letto a disposizione dei pazienti Covid ha portato l’Unità di Crisi della Regione Piemonte a disporre a tutte le aziende sanitarie di sospendere temporaneamente i ricoveri no Covid, escluse le urgenze, i ricoveri oncologici, i ricoveri in fascia “A” (cioè da effettuare entro 30 giorni) e gli screening oncologici.

Vengono differite anche tutte le attività ambulatoriali, ad eccezione di quelle contrassegnate con codice “U” (urgenti, da garantire entro 72 ore) e “B” (da garantire entro 10 giorni). Inoltre, è stato raccomandato alle aziende che si cerchi il più possibile di sviluppare la gestione dei pazienti Covid a domicilio.

Queste disposizioni hanno lo scopo di consentire il passaggio da 2201 posti letto dedicati al Covid (20% del totale disponibile) a 4.403 (35-40%), come previsto dal piano pandemico regionale a fronte di una soglia di occupazione che il 9 marzo ha superato di due punti la soglia critica, attestandosi al 42%, mentre il tasso di occupazione delle terapie intensive è arrivato al 36%.

Secondo l’Assessore alla Sanità Icarti “Queste misure non vogliono dire che ci si trova in una situazione di affanno, in quanto esistono ancora ampi margini di manovra sulla riorganizzazione delle strutture in caso di peggioramento della situazione”.

Le prestazioni ordinarie procrastinate verranno riprogrammate non appena possibile.

urbanlungo
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img