TORINO – Cariche e lacrimogeni. Questa è la situazione a Torino durante la manifestazione di protesta nata dopo lo sgombero dell’Asilo occupato da 24 anni, operazione condotta dalla Polizia di Stato.

[su_slider source=”media: 179285,179286″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Numerosi anarchici e gruppi si sono riuniti oggi, sabato 9 febbraio, in piazza Castello per un corteo solidale con gli occupanti del centro sociale. La manifestazione, iniziato in modo pacifico, è poi degenerata in scontri e in momenti di tensione.

Diverse strade sono state chiuse al traffico come via Po , via Accademia Albertina e corso Giulio Cesare, con mezzi pubblici deviati.

Sbarrati gli accessi ai ponti su Lungo Dora Firenze. Auto, cassonetti e vetrine danneggiate da lanci di pietre. Distrutti pullman. Un autista Gtt della linea 18, ferito. La città è praticamente sotto assedio. I manifestanti si sono dispersi e stanno creando problemi e danni ovunque. Diverse cariche contenitive della Polizia. Il bilancio, al momento è di circa una decina di persone arrestate.

AGGIORNAMENTO – Al momento ( ore 21) il bilancio è di 12 arresti e di 3 feriti più un manifestante portato al San Giovanni Bosco. Gli scontri proseguono. Scontri maggiori in via Bava. Auto in fiamme, tanto fumo e persone impaurite. Spaccate le finestre degli alloggi ai piani inferiori e i vetri delle auto.

Aggiornamento continuo. A breve foto e video

[su_slider source=”media: 175353,162328″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Scorri per visualizzare le foto

[su_slider source=”media: 119356,147401,144690″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

[su_slider source=”media: 179291,179289,179288,179290″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here