ISSIGLIO – A cento anni dalla fine della Grande Guerra e dall’annessione delle Terre Irredenti, Issiglio ha voluto rendere omaggio a tutte le persone che in ogni luogo ed in ogni tempo hanno adempiuto al loro dovere, permettendo a noi, oggi, di vivere liberamene, in autonomia, pace ed armonia.

Sabato 3 novembre, i bimbi issigliesi, coadiuvati dall’Amministrazione comunale, dal Gruppo Alpini e dalla Filarmonica issigliese, hanno ricordato i nomi dei soldati periti nel corso dei due conflitti mondali e deposto le Corone di alloro al Monumento degli Alpini, ai Caduti di tutte e guerre e Parco della Rimembranza, confortati e accompagnati dalla Comunità.

Il giorno dopo, domenica 4 Novembre, è stata aperta al pubblico, presso il Museo della Vita Alpina, la mostra – allestimento statico “Più100_Issiglio, a Cento anni dalla fine della Grande Guerra”, un momento di riscoperta delle radici comuni, attraverso materiale, racconti e fotografie degli Issigliesi che vestirono il grigioverde. E stato un momento di unione e piacevole fra passato e presente.

nfimpiantibanner
coferbanner

Come spiega Marilena Mattioda, presidente dell’Associazione Culturale Issigliese Onlus, il materiale è stato donato o prestato interamente dalla popolazione, non solo issigliese, ma anche di paesi vicini, quasi a sottolineare i profondi legami che legano le diverse comunità, e che percorrono sottotraccia il percorso della Memoria.

Entrambi gli eventi, seppur contraddistinti da una frugalità tipica del paesaggio alpino, sono da iscriversi in un più ampio percorso di rinnovamento e riscoperta della culturale locale, che debitamente rapportata diviene un tassello fondamentale per la creazione ed il mantenimento di una identità nazionale comune.

ilbere
Tritapepe

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here