FELETTO – Il 23 agosto verrà l’Assessorato regionale ai Trasporti, convocherà un tavolo per valutare le proposte che GTT ed AMP produrranno. affinché siano i sindaci a condividere la soluzione, in merito alla stazione di Feletto.

Paonessa
nfimpiantibanner

L’obiettivo è Valutare possibili soluzioni alternative rispetto alla soppressione temporanea della fermata di Feletto, al fine di ridurre al minimo i disagi dei pendolari, senza compromettere la stabilità della linea. Questo il senso della richiesta della Regione e dei sindaci del Canavese (ed in particolare del sindaco di Rivarolo Alberto Rostagno) a GTT nel nuovo incontro convocato dopo l’annunciata revisione delle modalità di esercizio sulla linea SFM1 Chieri-Settimo-Rivarolo-Pont in seguito all’imposizione da parte di ANSF (l’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria) della limitazione alla circolazione ai 50km/h in vigore da 6 agosto.

ilbere
Tritapepe

L’assessorato ai trasporti ha ribadito di aver fatto il possibile per il rilancio di questa linea, accelerando le procedure per l’avvio dei lavori di adeguamento dei sistemi di sicurezza e l’installazione dell’SCMT (il Sistema Marcia Treno), grazie allo stanziamento di 12 milioni dal precedente governo, con l’acquisto con di 2 nuovi treni da impiegare sulla linea a lavori conclusi (con 6 milioni di fondi regionali), e sempre con fondi regionali ( ulteriori 6 milioni) per l’elettrificazione della tratta Pont-Rivarolo.

“Pretendiamo che GTT risolva al più presto questo problema, del quale peraltro siamo stati informati ormai a situazione compromessa, mettendo in campo tutte le attività necessarie per adeguarsi alle richieste dell’ANSF per il rilascio delle autorizzazioni necessarie a ripristinare la velocità di circolazione ai 70 km/h. – Ha commentato l’assessore ai Trasporti della Regione Piemonte Francesco Balocco Ricordo che si tratta di problemi organizzativi di GTT (che quindi solo GTT e il suo azionista di riferimento possono risolvere). Nel frattempo chiediamo che GTT produca ogni sforzo necessario per mitigare i disagi ai pendolari della tratta, ricercando, insieme all’AMP, eventuali soluzioni alternative alla soppressione della fermata di Feletto, comprese quelle più radicali che prevedono una revisione completa dell’orario o il mantenimento della fermata di Feletto almeno nelle ore di morbida (quando il cadenzamento è all’ora), in tempo utile per la riapertura delle scuole. L’auspicio è che si tratti comunque di un periodo molto limitato”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here