CASTELLAMONTE – Dopo le recenti dichiarazioni del Psi Castellamonte e Canavese, che rimarcava una fase di “stallo” della città con l’amministrazione di Castellamonte, torna la Lega Castellamonte, a criticare la Giunta Mazza accusandola di immobilismo tramite una nota inviata ai media.

ilbere
Paonessa

 

“Sono passati altri sei mesi dal nostro ultimo intervento per segnalare il pericoloso immobilismo della Giunta Mazza che governa, oramai da più di un anno, la nostra amata città. Scorrendo il programma elettorale della maggioranza non occorre essere un esperto per accorgersi che le mille promesse fatte allora sono state finora disattese o male impostate: dalla chiusura anticipata della discarica, che oggi invece è ripartita più efficiente di prima, alla millantata volontà di valorizzare le frazioni che si è tradotta in un cavilloso regolamento dei Consigli di frazione, dalla tanto audace programmazione delle manutenzioni stradali, ridotta e limitata a qualche rattoppo. Per non parlare del miglioramento del commercio cittadino che pensiamo sia diventato ormai l’ultimo punto all’ordine del giorno – critica il direttivo cittadino della Lega – Ci sorge una riflessione spontanea: realmente chi ha sostenuto questa maggioranza si aspettava tanta pochezza? Lasciamo la risposta agli elettori che, vista la situazione, si sentiranno avviliti e probabilmente ormai disillusi.”

Allianz 2 modifica jpeg
Tritapepe

 

E prosegue: “Per noi fare politica significa occuparsi del bene comune partendo dai concetti, ma traducendoli in fatti utili e concreti alla collettività. Quindi il nostro consiglio a chi governa la nostra città, che non ci preoccupiamo venga accettato, è che le ideologie sono utili in una pacata riunione tra intellettuali, ma la gente che paga le tasse ha il diritto di ottenere beni e servizi e soprattutto di vivere in un posto accogliente e attraente. Sono inutili le scuse sugli ammanchi di bilancio, così come quelle sugli utili esigui, già ben noti prima di formulare tante promesse in campagna elettorale.”

 

“Ci rivolgiamo ai cittadini: chiedete e pretendete che le vostre richieste vengano almeno prese in considerazione. Solo in questo modo potremo cambiare la politica, solo in questo modo sarete meno delusi e forse il fenomeno dell’astensionismo si tramuterà in un voto cosciente e anche efficace”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.