CHIVASSO – L’Asl To4 ha inviato una nota per precisare circa il comunicato inviato da Nursind sulla videosorveglianza. Lo pubblichiamo qui integralmente.

ilbere
Paonessa
coferbanner

 

“La sicurezza è un diritto fondamentale per i lavoratori, gli utenti e i cittadini in generale. Le caratteristiche strutturali dell’ASL TO4 espongono i lavoratori e chi accede ai locali della stessa, nonché il patrimonio aziendale, a elevati rischi di micro-criminalità, furti e vandalismo. Gli impianti audiovisivi possono essere uno strumento di prevenzione e deterrenza dei fenomeni criminosi; pertanto, l’installazione di sistemi di videosorveglianza esclude quello del controllo a distanza dei lavoratori.”

LEGGI QUI IL COMUNICATO DI NURSIND

“Come previsto dalla normativa, le immagini riprese dai sistemi di videosorveglianza installati presso l’ASL TO4 sono sovrascritte, e quindi cancellate automaticamente dai sistemi stessi, ogni 24 ore. Per ogni videocamera è affisso un cartello che avvisa del fatto che l’area è videosorvegliata e che la registrazione è effettuata dall’ASL TO4 per fini di sicurezza.”

 

“Mai l’Azienda visiona i filmati. Soltanto le Forze dell’Ordine, in seguito a eventi criminosi, possono chiedere di visionare i filmati; se le immagini-video richieste sono ancora disponibili, l’Azienda non le acquisisce direttamente, ma le fornisce alle Forze dell’Ordine tramite una ditta esterna certificata e autorizzata allo scarico dei filmati.

Lo scorso 12 giugno l’Azienda ha discusso con le Organizzazioni Sindacali la bozza del Regolamento per la disciplina della videosorveglianza all’interno dell’ASL TO4. Come concordato in tale incontro, l’Azienda ha anche redatto un calendario di sopralluoghi da svolgersi con le Organizzazioni Sindacali per verificare la collocazione dei sistemi di videosorveglianza all’interno dell’ASL, comunicato alle Organizzazioni Sindacali il 26 giugno scorso. Il primo sopralluogo si svolgerà il prossimo 4 luglio.”

Allianz 2 modifica jpeg

 

 

“Come citato nel Regolamento, si ribadisce che nulla è fatto per controllare i lavoratori, ma tutto è fatto esclusivamente per garantire la sicurezza degli operatori e degli utenti. Peraltro, l’Azienda ha definito un piano di interventi volti a garantire la sicurezza di lavoratori e utenti anche su sollecitazione delle Organizzazioni Sindacali.

Si ribadisce, infine, che sono state adottate tutte le cautele necessarie per contemperare le disposizioni della normativa sulla privacy e della normativa sulla sicurezza delle strutture.”

Tritapepe
Pandolfini

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here