domenica 13 Giugno 2021
domenica, Giugno 13, 2021
spot_img

RALLY – Il cuneese Mario Cravero ritorna sul podio al Campagnolo storico

Ritorno al traguardo dopo quattro anni esatti per il pilota cuneese in una gara sofferta, ma conclusa

RALLY – Da quanto tempo non vedeva il traguardo? Una domanda che richiede una ricerca su siti specializzati e classifiche di gare per ritrovare Mario Cravero nelle classifiche finali di un rally (per la cronaca il Campagnolo 2014).

Finalmente il velocissimo pilota cuneese e il suo navigatore Oddino Ricca, portacolori della Meteco Corse riescono a festeggiare l’arrivo in un rally dopo sette gare concluse anzitempo per guai meccanici o uscite di strada.

[su_slider source=”media: 147401,150947″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

“Sono soddisfatto di essere finalmente arrivato, meno per le prestazioni espresse sulle prove speciali” commenta Cravero durante le premiazioni al Palasport della cittadina alle falde del Monte Grappa. “Anche questa volta abbiamo avuto problemi dall’inizio alla fine e senza l’aiuto di alcuni avversari che ci hanno aiutato con la cinghia dell’alternatore non ce l’avremmo fatta. Da metà gara in poi sia io, sia il mio navigatore Oddino Ricca siamo rimasti con il fiato sospeso in attesa che cedesse il cambio come ci è successo più volte”.

[rev_slider alias=”maf”]

Se per l’occasione Cravero-Ricca non hanno “stampato” i tempi monstre che li contraddistinguono, anche perché il Campagnolo è caratterizzato da alcune prove con salite che si arrampicano sino al cielo, terreno non proprio ideale per la pur ipervitaminizzata Fiat 127 Gruppo 2, alla fine hanno ottenuto un confortante trentesimo assoluto, in una gara che aveva visto partire 68 concorrenti, decimi di Gruppo 2, e primi di classe, nonostante una penalità di 30” per ritardo ad un Controllo Orario per rimettere in sesto la vettura.

[su_slider source=”media: 143165,119356″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

“Alla fine mi hanno dato pure una coppetta, ma speravo di fare tempi migliori. Per lo meno questa volta siamo arrivati alla fine e siamo tornati a rimirar la pedana di arrivo” cita dantescamente il pilota di Genola preparandosi però a dare l’assalto alla classifica fin dalla prossima gara. Bizze della 127 Gruppo 2 permettendo.

[rev_slider alias=”urb”]

[su_slider source=”media: 144690,132564,139264″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img