AGLIÈ – La Sala Nuova del Castello di Agliè, sabato mattina, si è riempita per ricordare, e scoprire, la figura del Conte Filippo San Martino, in occasione del 350esimo anniversario della sua morte.

[su_slider source=”media: 99248″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

La comunità alladiese gli riconosce il grande merito di aver riunito, nel ‘600, sotto la sua proprietà le diverse porzioni del Castello e di averne affidato l’abbellimento all’architetto Amedeo di Castellamonte, che gli ha conferito, a grandi linee, l’aspetto che tutti conosciamo.

L’evento, che ha riscontrato una grande affluenza, è stato organizzato dalla Pro Loco di Agliè, in collaborazione con il Comune: si è iniziato, alle 9, con i saluti iniziali di Alessandra Guerrini, direttore del Castello, del vicesindaco Stefania Chivino e, infine, della Presidente della Pro Loco, Simona Appino; quest’ultima, facendo notare che il mandato dell’attuale direttivo sta per terminare, ha voluto ringraziare tutti i membri del direttivo, i collaboratori e chi ha favorito in qualsiasi modo l’organizzazione delle ben 51 iniziative, riconducibili all’operato della Pro Loco, dal giugno 2015.

[su_slider source=”media: 125676,110138,119356″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

All’ingresso, sono state distribuite cartoline su cui compaiono i collage realizzati da Lidia Chiarelli, raffiguranti il Conte Filippo e Cristina di Francia, immagini esposte anche all’interno della Sala Nuova. Giorgio Guabello, moderatore dell’evento, ha introdotto gli interventi dei relatori: il Dott. Gianluigi Alzona ci ha parlato degli acquisti di terreni alladiesi, grazie ai quali il Conte Filippo ha potuto ampliare la superficie del Castello; Giusi Audiberti, autrice del libro “Il fiore del lino”, ha, invece, delineato l’immagine del Conte e della sua persona.

[su_slider source=”media: 124101″ limit=”100″ link=”image” target=”blank” width=”730″ height=”180″ title=”no” arrows=”no” pages=”no” mousewheel=”no” autoplay=”0″ speed=”0″]

E’ stato, poi, Don Melino Quilico a introdurre il tema dell’istituzione del beneficio sacerdotale ad Agliè; infine, il testamento del Conte Filippo e la sua sepoltura sul Monte dei Cappuccini sono stati i temi trattati da Fra Luca Isella. L’intensità degli interventi è stata stemperata dal Conte Filippo in persona, interpretato dall’attore Davide Mindo, i cui interventi si sono perfettamente inseriti nel contesto.

La Pro Loco di Agliè, visto il grande successo riscontrato, ringrazia il pubblico, i relatori e chiunque abbia favorito la realizzazione di questo omaggio a un personaggio storico così importante per la nostra realtà.

[su_slider source=”media: 100996,100993,116078″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

GUARDA LE FOTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here