martedì 11 Maggio 2021

AGLIÈ – Un convegno nel 350esimo anniversario della morte del Conte Filippo San Martino di Agliè

AGLIÈ – Ricorre, quest’anno, il 350esimo anniversario della morte del Conte Filippo San Martino d’Agliè, personaggio di spicco nella storia del paese e del castello di Agliè.

Per questa occasione la Pro Loco, in collaborazione con il Comune di Agliè, ha organizzato un Convegno, che si terrà in Castello sabato 14 ottobre, dalle ore 9, che porterà alla scoperta del Conte e del suo legame con il territorio.

Nato nel 1604, dal Conte Giulio Cesare e da Ottavia Gentile, a soli 27 anni viene nominato alfiere nella Compagnia di corazza del duca Vittorio Amedeo I, alla cui morte si scatena la guerra tra principisti e madamisti, che vede Filippo strenuo sostenitore della seconda fazione e, quindi, di Maria Cristina di Francia. Anche per questo, nel 1640, viene fatto arrestare dal Cardinale Richelieu: trascorre alcuni anni nella prigione di Vincennes, durante i quali si dedica alla scrittura, completando “La prigione di Filindo il Costante”.

 

[su_slider source=”media: 99248″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Nel 1643, liberato, torna in patria, dove viene nominato capitano delle guardie di Carlo Emanuele II e inizia a dedicarsi al Castello di Agliè: dopo aver riunito sotto la sua proprietà le diverse parti del Castello, fin dal ‘300 divise fra più signori, ne affida la ristrutturazione all’architetto Amedeo di Castellamonte, che predilige l’uso del mattone a vista e rende l’edificio “sicuro come un castello, ameno come una villa, splendido come una reggia”. In segno di riconoscimento, il Duca Carlo Emanuele II, nel 1663, infeuda il Conte in Agliè e gli dona tutti i terreni dell’attuale parco. E’ altresì doveroso menzionare la sua passione per la cultura: Filippo San Martino ha firmato ben 35 opere letterarie-musicali e organizzato giochi natalizi, tornei, feste a cavallo.

L’evento vedrà gli interventi del Dott. Gianluigi Alzona, della Dott.ssa Giusi Audiberti, di Don Melino Quilico e di Fra Luca Isella.

[su_slider source=”media: 125676,110138,119356″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

[su_slider source=”media: 124101″ limit=”100″ link=”image” target=”blank” width=”730″ height=”180″ title=”no” arrows=”no” pages=”no” mousewheel=”no” autoplay=”0″ speed=”0″]

[su_slider source=”media: 100996,100993,116078″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img