domenica 18 Aprile 2021

OZEGNA – In assemblea permanente i lavoratori della Co.Tau

Il prossimo 20 aprile è fissato un altro incontro in Prefettura con Smat

 

OZEGNA – Da lunedì scorso i lavoratori della Co.Tau Srl, situata in via Fratelli Berra a Ozegna, sono in assemblea permanente, con stato di agitazione aperto.

Oltre ad essere preoccupati per il loro futuro lavorativo, protestano anche per il tardato pagamento dello stipendio. Una situazione sempre più critica. L’appalto di Smat per la manutenzione ordinaria e straordinaria della rete idrica e fognaria dell’Area Metropolitana è in scadenza e loro rischiano di trovarsi senza lavoro.

«È stata attivata la cassa integrazione – spiega Pasquale Recchia, CGIL – ma il problema principale è che questi lavoratori rischiano di trovarsi senza lavoro, se non a luglio, sicuramente a fine 2017. Smat afferma di non potere assumere direttamente, però ha aperto un bando per l’assunzione di 36 apprendisti. In teoria assumere apprendisti conviene di più, ma non in questo caso. Facendo i conti 25 lavoratori con esperienza costerebbero come 36 apprendisti. Bene, qui i lavoratori con esperienza sono 21. Questo è già stato fatto presente a Smat durante il recente incontro che abbiamo avuto Prefettura.»
[su_slider source=”media: 99248″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Incontro al quale hanno partecipato anche alcuni sindaci (di Rivarolo Canavese, Cuorgnè, Pont Canavese, Castellamonte, Locana), ma che non ha portato a una soluzione. Già calendarizzato un secondo incontro in Prefettura il prossimo 20 aprile.

[su_slider source=”media: 100996,100993,100995″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

«Il giorno prima – conclude Recchia – se i lavoratori non avranno ricevuto lo stipendio, chiederemo con una lettera a Smat, di farsi carico dei debiti nei confronti dei lavoratori.»
I lavoratori (e le loro famiglie) vivono con lo stipendio mensile che ricevono, e con rate o mutui da pagare non possono permettersi di saltarlo neanche un mese.

Lo stato di agitazione proseguirà almeno fino all’arrivo dello stipendio.

[su_slider source=”media: 99550″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Leggi anche...

spot_img