giovedì 15 Aprile 2021

MONTALENGHE – Aperto il cantiere per la realizzazione del salone polivalente

Il Sindaco: "Il mio ringraziamento va a Stragiotti e sua moglie che ci hanno permesso di dare vita al nostro e al loro sogno"

MONTALENGHE – Sono iniziati i lavori per la realizzazione del salone polivalente nel Comune di Montalenghe.

Il cantiere si è aperto in questi giorni ed è situato in piazza XXV Aprile. Le opere prevedono la realizzazione di una struttura di circa 700 metri quadrati destinata ad ospitare un salone, le sedi delle associazioni locali, la biblioteca comunale e uno spazio per i giovani.

L’opera è stata interamente finanziata con il lascito a beneficio del Comune da parte del defunto Stragiotti Leo e di sua moglie Fiorina Francesca (che hanno dato in eredità la somma di 870mila euro totali).

L’intero costo dei lavori è stato stimato in 700mila euro (senza considerare al momento i ribassi d’asta). La progettazione dell’opera è a cura dello Studio 77 di Torino, mentre la realizzazione è stata affidata alla Gandelli Legnami di Borgaro. Secondo il cronoprogramma concordato tra Comune e ditta le opere si concluderanno nel mese di giugno prossimo.

[su_slider source=”media: 99248″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

«Quest’opera è stata fortemente voluta dalla nostra Amministrazione – spiega il sindaco Valerio Camillo Grosso – il suo studio è cominciato nel 2014, quando, ricevendo notizia dell’eredità, abbiamo deciso di dare seguito alle volontà del nostro benefattore. Egli avrebbe voluto che a Montalenghe si realizzasse un centro ricreativo per giovani e anziani. Nel nostro paese mancava questo luogo centrale per la vita sociale della comunità. Credo che il nuovo polivalente – conclude il primo cittadino – non solo colmerà questa mancanza, ma funzionerà anche come volano per il miglioramento della vita associativa, culturale e sportiva. Ci sarà data la possibilità di creare ed ospitare eventi di portata maggiore che prima non eravamo in grado di realizzare per la mancanza di un simile spazio. Il mio ringraziamento va ovviamente a Stragiotti e sua moglie che ci hanno permesso di dare vita al nostro e al loro sogno.»

[su_slider source=”media: 99550,100976″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

[su_slider source=”media: 100996,100993,100995″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Leggi anche...

spot_img