domenica 7 Marzo 2021

CASTELNUOVO NIGRA – RITROVATO SENZA VITA L’ESCURSIONISTA DISPERSO AL VERZEL

CASTELNUOVO NIGRA – È stato ritrovato purtroppo senza vita, intorno alle 4,30, l’escursionista disperso a Punta Verzel, le cui ricerche sono proseguite tutta la notte

Vigili del Fuoco, Soccorso Alpino (squadre di Ceresole Reale, Ivrea, Locana e Valprato Soana), cinofili, Carabinieri e Guardia di Finanza: tutti impegnati nelle ricerche.

I 24 operatori del Soccorso Alpino della XII Delegazione e le 4 Guardie di Finanza avevano iniziato le ricerche sulle pendici del monte Verzel, la cima più alta della “Bella Dormiente”. Intorno alle 18 di martedì 13 dicembre, dopo che la moglie dell’alpinista, preoccupata per il mancato rientro del marito, aveva allertato i Carabinieri di Banchette. Verso le 20 si erano unite le altre squadre di Volontari.

Le ricerche si erano spinte fino a quota 2.200 metri, su un terreno reso difficilissimo dal gelo e dalla neve, dando sempre esito negativo. Intanto dalla base, predisposta a Castelnuovo Nigra, si era organizzato il Gruppo Cartografico per garantire la massima copertura del terreno di ricerca e con un sistema di triangolazione con celle telefoniche si era provato a rintracciare il segnale, anche qui con esito negativo, probabilmente dovuto all’assenza di copertura.
Stamattina erano pronti altri 15 volontari del Soccorso Alpino; previsti sorvoli con l’elicottero e battute con squadre di cinofili, purtroppo però le operazioni sono state sospese, perchè è stato ritrovato il corpo: Francesco Sossi, 68anni, Istruttore Alpino, originario di San Martino Canavese e residente a San Giorgio Canavese. Era uscito in mattinata per una passeggiata in montagna, lasciando la vettura a Castelnuovo Nigra.
Le squadre intervenute stanno ora attendendo le prime luci dell’alba per capire se sarà possibile il recupero ed il trasporto a valle della salma con l’elicottero oppure si dovrà procedere al suo trasporto a spalle.

AGGIORNAMENTO ORE 9,15 – La salma è stata recuperata dall’elisoccorso del 118 e dal Sasp (Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese), e portata a Cinzano.

Leggi anche...