sabato 23 Gennaio 2021

RIVAROLO CANAVESE – Dedicato un viale a Monsignor Bosio (FOTO E VIDEO)

RIVAROLO CANAVESE – Domenica scorsa, 25 settembre, nell’ambito dei festeggiamenti per la Patronale di San Michele, è stata intitolata una via, e precisamente il viale, prosecuzione di via Ivrea, a Don Mario Bosio.

Presenti alla cerimonia, oltre alle autorità cittadine e la banda, i nipoti di don Bosio; don Francesco Mosetto e Don Giacomo Ricca.

Nato a Montanaro il 29 novembre del 1917, Don Mario Bosio fu ordinato sacerdote nel 1940. Viceparroco a Feletto, prigioniero e ostaggio delle truppe nazifasciste al tempo del drammatico incendio del Paese nell’agosto 1944. Si impose con coraggio per continuare a celebrare la Messa ogni giorno. Trasferito a Rivarolo Canavese nel 1948, assistette don Vincenzio Stragiotti, per poi essere nominato Parroco nel 1950: era l’inizio di un ministero vissuto con semplicità e dedizione verso la Comunità. Attento al patrimonio architettonico parrocchiale, con l’aggiunta del cupolino completò il progetto barocco di Bernardo Antonio Vittone, della Chiesa di San Michele; promosse i restauri dell’organo, della Confraternita di San Rocco e la riapertura della Confraternita del SS.Nome del Gesù.

Riprese la pubblicazione del bollettino parrocchiale, istituì la Conferenza Giovanile di San Vincenzo de’ Paoli e negli anni novanta accolse le iniziative dell’Azione Cattolica e dei Gruppi Scout “ Nuovi Sentieri” e “Luna Nascente”. Nel 2002, su proposta del Vescovo Monsignor Arrigo Miglio, ricevette da Papa San Giovanni Paolo II, la nomina di Cappellano di Sua Santità e il titolo di Monsignore. Si spense il 1 marzo 2003.

GUARDA IL VIDEO

GUARDA LE FOTO

 

 

Leggi anche...