LEINI – Le irregolarità alla casa della maternità “La Primavera”? Dovute solo alla mancanza di una disciplina normativa regionale per strutture simili. A ribadirlo è l’avvocato Riccardo Magarelli, che tutela gli interessi della casa:  

“Le presunte irregolarità riscontrate nel corso dell’ispezione si riferiscono esclusivamente all’assimilazione – valutata su iniziativa dei Carabinieri operanti – della Casa Maternità agli ambulatori poliambulatorio (RID)medici ed alla relativa disciplina normativa, in carenza di una disciplina regionale specifica per tali strutture. Si contesta tale inquadramento legislativo, così come la qualifica di ambulatorio, dovendosi invero richiamare la normativa regionale già in vigore dal 2002 per il parto fisiologico extraospedaliero, in relazione alla quale la Casa Maternità La Primavera è assolutamente ottemperante a tutti i requisiti richiesti, e pertanto deve considerarsi idonea.

Nel rispetto dell’Autorità Giudiziaria e delle Istituzioni, la Casa Maternità ha al momento deciso di sospendere le attività diverse da quelle formative, informative e dedicate ai bambini, in attesa che venga sancita l’idoneità della struttura a perseguire tutti i fini sociali.

Nel frattempo si diffidano formalmente gli organi di stampa ed i media in genere a riportare notizie false e diffamatorie, in presenza delle quali ci si vedrà costretti ad adire l’Autorità Giudiziaria per il tramite del proprio legale”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here