SANITÀ – Parte anche in Italia la class action per lo scandalo delle Pip, le protesi mammarie di fabbricazione francese

impiantate a centinaia di migliaia di donne in vari Paesi d’Europa ma che sono risultate SALE OPERATORIE (418 x 274)pericolose. Lo studio legale Ambrosio & Commodo di Torino, dove è in corso un processo, sta raccogliendo le adesioni per presentare un’istanza al Tribunale Commerciale francese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here