Guarda il servizio

CASTELLAMONTE – È stato approvato l’altro ieri in Giunta, lo studio di fattibilità, stilato dall’Architetto Francesco Diemoz, per la riqualificazione dell’ex ospedale.

Castellamonte-ex-ospedaleLa struttura, che attualmente ospita la Biblioteca Civica, la Polizia Municipale e il Centro Anziani, ha bisogno di manutenzione. L’ipotesi prevede la ristrutturazione della parte storica e il completo rifacimento delle parti costruite in epoca più recente (oltretutto non livellate tra loro).

«Il nostro intento – ha spiegato il vice Sindaco Giovanni Maddio – è quello di mettere l’idea sul tavolo e proporla anche a privati per riportare la struttura agli antichi splendori.»

«Non è soltanto la riqualificazione dell’edificio – ha aggiunto l’Architetto Francesco Diemoz – ma dell’intero tessuto storico, che andrà a valorizzare la rotonda Antonelliana.»

L’intervento sarà di tipo “social housing”, con la parte residenziale ai piani superiori e, al piano terra, l’area dedicata ai servizi e al commercio, con una quinta in ceramica all’ingresso e un ampio percorso pedonale all’esterno.

Il Comune potrà avere un ritorno economico in tre modi: con la dismissione di una Castellamonte-ex-ospedale-1parte, oppure con l’inserimento di servizi pubblici, oppure monetizzando.

«Prima di procedere con un privato – ha concluso Maddio – vogliamo avere un confronto con l’opinione pubblica e avere garanzie dal privato stesso, in modo che il Comune non debba avere problemi.»

Castellamonte-ex-ospedale-2La superficie utilizzabile è di circa 3.400metri quadri, e il progetto di massima prevede 18 unità immobiliari per uso residenziale e 8 per la destinazione commerciale, non vincolanti proprio perché si tratta di uno studio di fattibilità e non di un progetto definitivo.

«Il progetto verrà pubblicato anche sul sito – ha affermato il Sindaco Paolo Mascheroni – per avere un confronto con i cittadini. La cosa importante da sistemare sarà la ricollocazione della Biblioteca Civica, della Polizia Municipale e del Centro Anziani