IVREA – Giovedì 24 ottobre, dalle 9 presso Il Polo Universitario Officine H di Ivrea, in Via Monte Navale, si terrà il convegno “I GIOVANI E IL LAVORO: UN PROGETTO PER IL FUTURO”, con la presentazione dei risultati finali del Progetto YES ME – Young Employment System for Mobility in Europe e delle possibili interazioni con le politiche locali, regionali e nazionali di settore.

yes-meIl Progetto Europeo YES ME è finalizzato a contribuire alla definizione di strumenti e programmi di intervento innovativi, tesi a incrementare la competitività sul mercato del lavoro dei giovani a forte rischio di esclusione occupazionale e sociale. Il progetto, cofinanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del Programma dell’Unione Europea per lo Sviluppo e la Solidarietà Sociale – PROGRESS (2007-2013), è stato promosso da Confcooperative Torino, in partenariato con la Provincia di Torino, la società cooperativa S.&T. e il partner francese Greta du Velay.

Dopo una prima fase di ricerca, raccolta e analisi di buone pratiche a livello nazionale ed europeo, il gruppo di lavoro ha definito un Protocollo di intervento che è stato sperimentato su un campione di 20 ragazzi e ragazze di età compresa fra i 21 e i 29 anni, con un basso livello di scolarità (al massimo la scuola dell’obbligo) e disoccupati o inoccupati, che hanno risposto a un avviso pubblico e sono stati selezionati dal Centro per l’Impiego di Ivrea. Il gruppo dei 20 giovani ha poi partecipato, presso il Centro per l’Impiego, a molteplici attività, tutte con l’obiettivo di rinforzare le competenze trasversali per accrescere la loro proattività nel mercato del lavoro. Nel complesso il set di interventi si è composto di: un percorso di autopromozione e comunicazione

efficace (nell’ambito del quale i partecipanti sono stati accompagnati anche alla realizzazione del proprio video curriculum); un percorso di avvicinamento all’autoimprenditorialità con simulazione di impresa cooperativa, due azioni trasversali quali il laboratorio di teatro psicosociale (concluso nel mese di marzo con la messa in scena di uno spettacolo) e la formazione sulla comunicazione web (con animazione da parte dei partecipanti del blog e della pagina Facebook del progetto).

Queste attività sono state poi integrate, sulla base delle specifiche esigenze e caratteristiche dei/delle partecipanti, dagli strumenti di politiche attive del lavoro dedicati ai giovani dal Centro per l’Impiego: incontri informativi sul mercato del lavoro e sui contratti dedicati ai giovani, un’ azione di orientamento alla formazione professionale con utilizzo dei voucher formativi, l’accompagnamento all’inserimento in tirocinio.

Il Progetto YES ME, inoltre, ha promosso la costruzione di una Rete Locale fra Stakeholder coinvolti nel sistema formativo e occupazionale, al fine di rafforzare il collegamento fra gli stessi e in particolare quello fra il mondo imprenditoriale, il settore dell’educazione e della formazione e i servizi locali per l’occupazione.

“L’acquisizione delle competenze cosiddette trasversali è fondamentale nella ricerca di lavoro” spiega l’Assessore al Lavoro e alla Formazione professionale della Provincia di Torino Carlo Chiama “perché grazie a esse l’incontro tra lavoratore e azienda avviene sulla base di un linguaggio comune”.

In un’ottica di valorizzazione dell’esperienza maturata e di promozione della sua sostenibilità di medio e lungo periodo, il progetto ha quindi promosso la sottoscrizione del Protocollo di Intesa “per la costituzione del Tavolo di coordinamento territoriale del Canavese per l’inclusione sociale e lavorativa dei giovani” che verrà firmato in occasione del convegno.

Interverranno all’iniziativa Carlo Della Pepa, sindaco della Città di Ivrea, Carlo Chiama, assessore al Lavoro e alla Formazione professionale della Provincia di Torino, Aldo Romagnolli, presidente di Confcooperative Torino, Paola Casagrande, direttore Istruzione, formazione professionale e lavoro della Regione Piemonte, Gianfranco Bordone, direttore Area Lavoro e solidarietà sociale della Provincia di Torino, nonché i ragazzi e le ragazze partecipanti alla sperimentazione.