domenica 14 Aprile 2024

Direttore Responsabile: Magda Bersini

spot_img

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

CHIVASSO – Nursind Torino: “Gli operatori vanno sostenuti non attaccati”

Giuseppe Summa, Segretario Nursind Torino, ribadisce che loro sono le vittime del sistema

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:

CHIVASSO – Giuseppe Summa, Segretario di Nursind Torino, commenta attraverso una nota inviata ai media, la situazione del Pronto Soccorso di Chivasso, le aggressioni al personale sanitario e la situazione.

Riceviamo e pubblichiamo la nota integralmente:

“Ho letto con molta attenzione il numeroso materiale giornalistico che in questi giorni troviamo in rete, ma anche i numerosi commenti della cittadinanza sui vari social in merito al nosocomio di Chivasso e in particolar modo il pronto soccorso.
Come rappresentante sindacale di questa Azienda, non voglio in alcun modo entrare nel merito dell’ultimo noto fatto accaduto, per il quale giustamente le autorità competenti stanno svolgendo il loro lavoro. Pertanto ritengo sia necessario restare in rispettoso silenzio.
Per quanto riguarda invece gli attacchi rivolti agli operatori, come avuto modo più volte la possibilità di sottolineare, il problema è legato alle falle del sistema e non certamente alla qualità professionale che è fuori discussione. Professionisti con la P maiuscola, che nonostante le grosse criticità, continuano quotidianamente a garantire un servizio essenziale per la cittadinanza.
Personalmente ho visto con i miei occhi le difficoltà che i colleghi di Chivasso sono costretti ad affrontare.
Aldilà delle note carenze di personale infatti, gestire un numero elevatissimo di pazienti, spesso anziani, allettati con numerose patologie, è diventata una situazione apparentemente “normale” quando non lo è affatto.
Garantire a tutti quei pazienti per giorni e giorni l’assistenza in attesa di un ricovero, spesso facendosi carico anche di problematiche che andrebbero gestite da un sistema ormai inefficiente, è sempre più difficile.


Lo stesso sistema che fra l’altro li espone spesso ad aggressioni fisiche e verbali, nonostante siano sempre in prima linea.
È inutile nasconderlo, il pronto soccorso come più volte ho ricordato, è l’unica fonte di acqua nel deserto e dove i cittadini sanno che comunque troveranno quella porta sempre aperta.
Purtroppo molti operatori hanno mollato e altri stanno pensando di farlo. Per questo mi rivolgo ai cittadini: gli operatori sono solo le vittime di questo sistema. Vanno sostenuti e non attaccati.
Proprio per questo abbiamo sempre segnalato e denunciato le criticità, anche a tutela della stessa cittadinanza.”

© Riproduzione riservata

Per restare sempre informato, iscriviti ai nostri canali gratuiti: la newsletter di WhatsApp per le notizie di Cronaca (per iscriverti invia un WhatsApp con scritto NEWS ON al 342.8644960); iscriviti al nostro canale Telegram (ObiettivoNews); oppure, da oggi, puoi anche iscriverti al nostro nuovo canale WhatsApp (https://whatsapp.com/channel/0029Va9vIQO30LKS6x1jWN14con le notizie selezionate dalla nostra redazione.

------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------

Ultim'ora

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img