domenica 27 Novembre 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

CASELLE – Milano: «Le scuole sono sicure, le preoccupazioni infondate»

"Probabilmente si è trattato di voci che partendo da situazioni di mancanza di manutenzione si sono ingigantite fino a descrivere situazioni di pericolo che però, per fortuna, non esistono"

CASELLE – L’atteso sopralluogo nelle scuole dei consiglieri di opposizione che ne avevano fatto richiesta si è svolto, com’è noto, lunedì 10. Dalla stringata comunicazione fatta dai partecipanti, vale a dire il Consigliere Endrio Milano di “Progetto Caselle 2027”, e i Consiglieri di “Caselle Futura” Andrea Fontana e Roberto Turletto accompagnati dal Sindaco Giuseppe Marsaglia e dai tecnici, è emerso che non ci sono pericoli di sorta per i giovani studenti: «Lo stato delle scuole è buono, e i ragazzi non corrono pericoli. Anche le certificazioni di sicurezza previste dalla normativa sono corrette. Certamente, anche per l’età degli edifici, si rendono necessari alcuni interventi manutentivi che saranno oggetto di una relazione del sindaco al Consiglio comunale. Si ringraziano la dirigente scolastica, le insegnanti e gli operatori scolastici per la collaborazione dimostrata».

Alcune considerazioni. La prima. Data la “tabella di marcia” prevista, che indicava una visita di trenta minuti per ogni scuola, comprensivi di spostamenti da un plesso all’altro, ci sarà stato il tempo di verificare con un minimo di accuratezza lo stato effettivo delle cose? Secondo Milano sì: «La tabella che ci era stata presentata è stata puramente indicativa – commenta – Abbiamo avuto tempo e modo di vedere le varie situazioni con calma, è il risultato è quello indicato. Problemi di manutenzione sì, ma nulla che possa comportare dei pericoli. Si è preso nota, comunque, di tutti gli interventi necessari, e sarà cura del sindaco illustrarli al Consiglio comunale».

La seconda. Se la situazione è quella indicata, come si spiega l’allarme manifestato dei rappresentati dei genitori al Consiglio? Voci che, tra l’altro, avevano indotto l’opposizione, a settembre, a chiedere di poter effettuare la visita: «Non ne ho idea – aggiunge Milano – Anche noi avevamo raccolto un atteggiamento di preoccupazione da parte dei alcuni genitori. Probabilmente si è trattato di voci che partendo da situazioni di mancanza di manutenzione si sono ingigantite fino a descrivere situazioni di pericolo che però, per fortuna, non esistono. Del resto noi abbiamo svolto il nostro ruolo di controllo proprio delle forze di opposizione. Ruolo che eserciteremo ancora chiedendo una seconda visita, questa volta al Baulino, confidando che anche questa volta l’Amministrazione si dimostri collaborativa. Del resto, quando si tratta di iniziative che vanno nell’interesse di Caselle e dei casellesi, noi siamo sempre disponibili. Questo non vuol dire, però, che la nostra richiesta di chiarimenti su quanto accaduto in occasione delle elezioni si interrompa così. Il Tar ci ha rimandati al giudice ordinario, e noi al giudice ordinario ricorreremo».

© Riproduzione riservata

------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img