mercoledì 7 Dicembre 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

VOLPIANO – Il Consiglio rinnova la fiducia a Cisotto: le critiche dell’opposizione

Neppure i promotori della mozione di sfiducia, i gruppi di opposizione “Cambiamo Volpiano” e “Gente di Volpiano”, puntavano davvero al ritiro delle deleghe quanto, piuttosto, ad intavolare una discussione sul piano politico sui temi che hanno motivato la richiesta

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:

VOLPIANO – L’Assessore Andrea Cisotto mantiene la sue deleghe e conserva il posto in Giunta. Del resto, neppure i promotori della mozione di sfiducia, i gruppi di opposizione “Cambiamo Volpiano” e “Gente di Volpiano”, puntavano davvero al ritiro delle deleghe quanto, piuttosto, ad intavolare una discussione sul piano politico sui due temi (la gestione dei verde pubblico e l’affaire dei contributi al commercio prima concessi e poi in parte richiesti per un errore nei conteggi) che hanno motivato la richiesta.

Richiesta di sfiducia, comunque, cassata per due motivi: uno tecnico, dal momento che è solo il Sindaco che può assegnare e ritirare le deleghe, e uno politico, vale a dire la fiducia sul suo operato ribadita a Cisotto sia dallo stesso primo cittadino, sia dal capogruppo Giuseppe Tavasso a nome di tutta la maggioranza. E la discussione politica? Magari tirata un po’ per i capelli, ma c’è stata anche quella. Le difficoltà sui due temi in oggetto ci sono state. Anche perché, come spiegato dal Sindaco Gianni Panichelli: «Tutti i Comuni vivono situazioni di difficoltà, stretti tra tanti problemi. Compreso quello del personale. A volte le porte dei municipi sono come quelle dei saloon, con persone che entrano e poi chiedono il trasferimento altrove e se ne vanno. I nostri uffici lavorano molto e bene nonostante tutte le difficoltà. Abbiamo fatto delle assunzioni, ma si tratta di persone che devono essere debitamente formate prima di poter diventare operative a tutti gli effetti».

Detto delle difficoltà che fanno da contorno all’attività del Comune, le critiche a Cisotto per quanto riguarda la situazione del verde, sono state “archiviate” dal momento che quel settore non rientra tra le sue deleghe ma in quelle dell’Assessore Luca Ferrero, mentre per quanto riguarda il commercio: «C’è stato un errore da parte del responsabile. Che dobbiamo fare? Crocifiggerlo? – ha spiegato il primo cittadino – Rivendico comunque la portata del provvedimento per il commercio, che non ha precedenti, come rivendico altre iniziative messe in campo dall’Assessore Cisotto per questo settore, dalle manifestazioni estive, che hanno incontrato il godimento degli operatori del settore, a quelle natalizie, all’attenzione per le fiere che hanno toccato punti della città normalmente esclusi».

Parole che non hanno convinto i consiglieri di opposizione. Una caduta di stile, per Monica Camoletto: «Ma almeno siamo riusciti a fare chiarezza su quali deleghe detengano gli assessori». «Così facendo si sbeffeggiano i cittadini – ha aggiunto Giuseppe Medaglia – Quei cittadini che più volte hanno segnalato i problemi del verde. Si cerca di difendere l’indifendibile». Dal canto suo, Antonietta Maggisano ha posto l’accento sulla questione legata al commercio: «I proprietari dei muri hanno concesso dilazioni, le banche agevolazioni. Solo il Comune, nel richiedere la restituzione delle somme erroneamente concesse è stato categorico, prevedendo tempi strettissimi».

© Riproduzione riservata

------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img