venerdì 9 Dicembre 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

PONT CANAVESE – Sabato 17 settembre, direttamente da Colorado, 3 comici d’eccezione! (VIDEO)

Dopo la tappa di Miss Italia, l’associazione Vivere Pont porta in paese un altro evento di livello

PONT CANAVESE – Dopo la bellezza, adesso saranno le risate ed essere grandi protagoniste ed a tenere desto l’interesse non solo degli abitanti di Pont Canavese, ma anche di tutto il territorio. Questo grazie al sapiente lavoro dell’Associazione Vivere Pont, la quale vuole porre alla ribalta il paese crocevia delle nostre valli che il 17 settembre farà da sfondo ad una serata ad alto “tasso comico”.
Infatti, dalle ore 21, presso piazza XXV Aprile (ovvero quella che sorge di fronte al Comune), mattatori dell’uscita saranno Mauro Villata, Giampiero Perone e Massimo Derosa, ovvero tre volti ed altrettanti nomi noti a grandi e piccini grazie a trasmissioni come “Colorado” ed “Eccezionale Veramente”.


Dopo due anni difficili, con la pandemia che ha lasciato il segno non solo in coloro che hanno lottato con il Covid, ma un po’ in tutti noi, la voglia di ritrovarsi, di ridere e di vivere un momento sereno è davvero tanta.
“Sulla scia dei consensi che Pont e la nostra associazione ha ottenuto – dicono in coro Walter Portacolone e Moreno Riva – attraverso prima le selezioni di “Miss Italia”, poi con il riuscito raduno dedicato ai camper, adesso abbiamo deciso di giocare la carta della comicità.
Proprio in occasione del concorso di bellezza che ha fatto tappa in paese siamo riusciti a gettare le basi per allestire l’evento del 17 settembre, che speriamo possa regalare nuovamente un po’ di svago ai nostri concittadini ed ai canavesani in generale”.


Questo appuntamento con “Colorado on the road” vuole essere, infatti, una “cassa di risonanza” per tutta la zona: “Crediamo molto sul fatto che si debbano mettere da parte incomprensioni e campanilismi, cercando di fare “squadra” e lavorare per il bene delle nostre comunità – aggiungono ancora Riva e Portacolone – Dobbiamo renderci sempre più conto del periodo storico in cui viviamo, di quello che abbiamo passato, per tentare di guardare avanti e pensare ad un futuro carico di speranza, nonché di concretezza”.


Partendo da questa base, Pont Canavese quindi cerca di ritagliarsi uno spazio di primo piano: “E’ pure un modo per far conoscere quanto la nostra realtà può offrire. Non a caso, al di là dello spettacolo in sé, che è ad ingresso libero, chi volesse potrà seguire anche nelle ore precedenti alle esibizioni il backstage, la preparazione e le prove, vedendo un po’ più da vicino quello che c’è dietro ad un evento di questa portata”.

© Riproduzione riservata

------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img