domenica 7 Agosto 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

CASTELLAMONTE – Luca Erio, erede musicale del grande jazzista canavesano Carlo Actis Dato

E' sicuramente uno tra i più attivi collaboratori del Liceo Musicale di Rivarolo Canavese, e da settembre, riprenderà il suo percorso di insegnante presso il medesimo istituto rivarolese

CASTELLAMONTE – Luca Erio, musicista castellamontese che ha iniziato il suo percorso musicale a soli dodici anni inserendosi in gruppi bandistici e scoprendo fin da subito una grande passione per il sassofono, è sicuramente uno tra i più attivi collaboratori del Liceo Musicale di Rivarolo Canavese, e da settembre riprenderà il suo percorso di insegnante presso il medesimo istituto rivarolese.

Decide quindi di intraprendere seriamente lo studio di questo strumento inizialmente seguendo un percorso classico, per poi approdare, dopo aver assistito ad un concerto di musica jazz, allo studio di questo genere . Determinante è stato l’incontro presso l’associazione Liceo Musicale di Rivarolo con il maestro Carlo Actis Dato: musicista e compositore canavesano, è uno dei grandi nomi del panorama jazz italiano che, fin dagli anni settanta, ha inciso per importanti etichette internazionali e che è stato uno dei fondatori della sezione jazz/rock & blues dell’istituto rivarolese, insieme al batterista Fiorenzo Sordini e alla cantante Laura Conti.

Ammesso al triennio di sax jazz presso il Conservatorio  A. Vivaldi di Alessandria, è stato uno dei primi a laurearsi in questa disciplina, seguito prima da Giulio Visibelli e poi dallo stesso Carlo Actis Dato, presso l’associazione Liceo Musicale di Rivarolo che ne aveva visto muovere i primi passi.

A partire dal 2007, seguendo parallelamente agli studi accademici vari master con i Maestri  Massimo Morganti e Riccardo Fioravanti, ha sempre continuato la sua attività concertistica collaborando con varie band con le quali ha partecipato anche a trasmissioni televisive . Si è esibito come solista nello spettacolo “Modern Jazz” al Teatro Valdocco di Torino, per il centenario della morte di Guido Gozzano a Villa Meleto , al teatro Giacosa di Ivrea nel progetto “Acoustic Wall”, dove ha collaborato anche come arrangiatore.

Nello stesso periodo si è esibito anche in altri club, al carcere di Opera di Milano, al Salone della Cultura di Milano e ha partecipato all’incisione dell’album “Ricomincio da me … e da voi”, frutto di un progetto sociale sulla legalità condotto dall’associazione Liceo Musicale di Rivarolo insieme con un ex detenuto del carcere di Opera di Milano.

Attualmente partecipa anche ad eventi mondani glamour esibendosi per personaggi molto noti del panorama della cultura italiana principalmente con “Andrew Libertini & AnimAlibrA Band”,  con la quale spazia in generi dal pop al jazz attraverso i grandi successi della musica moderna.

La direttrice Sonia Magliano, che è stata anche una delle sue prime insegnanti, va estremamente orgogliosa della carriera dei propri allievi nel corso degli ultimi tempi, sempre più consapevole che la differenziazione delle esperienze durante i primi anni di avvicinamento musicale forma il carattere di ogni individuo potenziandone le caratteristiche e stimolando la passione per lo studio sempre più approfondito in modo che la Musica diventi non solo un bellissimo passatempo ma anche una professione.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img