domenica 3 Luglio 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

CASELLE – Ordinanza del sindaco per limitare l’uso di acqua potabile

Su tutto il territorio comunale è vietato utilizzare acqua potabile per tutti gli usi diversi da quello alimentare, domestico e igienico

CASELLE – Probabilmente il sindaco, Giuseppe Marsaglia, non se lo immaginava che uno dei suoi primi atti, una volta tornato sullo scranno del primo cittadino, sarebbe stato quello di firmare un’ordinanza per limitare il consumo di acqua potabile.

E invece il perdurare della siccità, per certi versi tipica di questa stagione anche se in questo 2022 si sta rivelando particolarmente grave, l’ha indotto ad assumere misure urgenti e straordinarie per razionalizzare l’utilizzo delle risorse idriche disponibili in modo da garantirne alla cittadinanza la disponibilità per i fabbisogni primari, vale a dire l’utilizzo alimentare, domestico e igienico, vietandone gli altri utilizzi. Un atto assunto di concerto con la Smat, la Società Metropolitana Acque Torino, che meglio di chiunque altro ha il polso della situazione.

Su tutto il territorio comunale è vietato, quindi (e lo sarà fino al termine della criticità idrica, comunicata con la revoca dell’ordinanza) utilizzare acqua potabile per irrigare e innaffiare orti, giardini e prati; per lavare cortili e piazzali; per lavare veicoli privati; per riempire fontane ornamentali, vasche da giardino e piscine (anche se dotate di impianto per il ricircolo dell’acqua) e, più in generale, per tutti gli usi diversi da quello alimentare, domestico e igienico. Questo il divieto. E poi anche l’invito a tutti i cittadini di usarla, negli impieghi previsti, in maniera corretta e razionale. Previste pene pecuniarie per i trasgressori.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img