domenica 3 Luglio 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

VOLPIANO – Marco Malvaldi incanta il pubblico della Polivalente

La serata di giovedì scorso è stata un'occasione per parlare di libri, ma soprattutto per lasciare a Malvaldi il compito di raccontare e di raccontarsi

VOLPIANO – Se Marco Malvandi un bel giorno non avesse scoperto la sua passione per la scrittura, probabilmente avrebbe proseguito la sua attività come ricercatore, dal momento che la sua istruzione passa proprio di lì, attraverso una laurea in Chimica.

Oppure si sarebbe dedicato alla sua passione, il canto lirico (anche se, a suo dire, i risultati ottenuti nelle prime ed ultime apparizioni non erano state proprio indimenticabili). O, forse, avrebbe imboccato una strada che mai avrebbe pensato di poter percorrere: quella del cabarettista. Già, perché sentirlo parlare, sentire raccontare le sue vicissitudini, in quel suo modo ironico, ma colto e forbito nello stesso tempo, nulla ha da invidiare ai monologhi di coloro che hanno scelto senza se e senza ma la strada del palco.

La serata di giovedì scorso, in Polivalente, è stata proprio questo. Un’occasione per parlare (più o meno incidentalmente) di libri, ma soprattutto per lasciare a Malvaldi il compito di raccontare e di raccontarsi. A partire da quell’abitudine di non ascoltare musica successiva al 1791 (vale a dire dalla morte di Mozart): «In quel momento la musica è morta. Sì, ci sono poi stati alcuni sussulti con Rossini prima e con i Queen e i Procol Harum poi, ma possiamo dire che la musica è finita in quel momento». Un incontro sotto forma di viaggio, con la voce fuori campo di Davide Ruffinendo, libraio e amico di Malvaldi, a fare domande e stimolare il dialogo, che ha spaziato dai libri, certo (suoi, ma non solo) alla musica, dal calcio al trascorrere del tempo. Fino ad arrivare a raccontare il modo in cui nascono i suoi libri, sintesi tra le storie pensate dalle moglie (con cui, prossimamente, iniziare anche a firmare i volumi) e la sua verve nel renderle in frasi e pagine.

Un appuntamento col “botto” per chiudere alla grande, come ribadito dall’Assessore Barbara Sapino, la stagione della presentazione di libri. Se ne riparlerà, comunque, dopo la vacanze estive.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img