lunedì 3 Ottobre 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

VOLPIANO – Serata sulla legalità, il centrodestra alza la voce

«Sfacciata manifestazione politica del Pd»

VOLPIANO – Sul tema della legalità, al centro dell’incontro organizzato per venerdì sera in sala polivalente, nessuna obiezione da muovere. Ma dal fronte del centrodestra cittadino le obiezioni non mancano quando si va a vedere i relatori chiamati a trattare il tema: «Lascia, infatti, senza parole il fatto che una forza politica pensi di essere l’unica depositaria del valore della legalità al punto da targare espressamente un convegno che si propone di affrontare quel tema – sottolineano Maria Grazia Bigliotto, capogruppo del Centro Destra in Consiglio comunale e segretaria cittadina di Forza Italia, e Veronica Nilo, portavoce cittadina di Fratelli d’Italia – Non sfugge a nessuno che l’incontro in oggetto presenti un tavolo di relatori tutti riconducibili al Partito Democratico. E se a promuovere l’iniziativa fosse stato lo stesso partito, erede delle assai poco rimpiante “Botteghe oscure”, non ci sarebbe nessun problema. Ma quando la si vuole attribuire all’Amministrazione di Volpiano, allora la cosa diventa inaccettabile». Per la cronaca, al tavolo sono stati invitati Luciano Violante, magistrato, già presidente della Camera in quota al Pd; Davide Mattiello, consulente della commissione parlamentare antimafia ed ex deputato eletto in quota Pd, e Roberto Montà, presidente di Avviso Pubblico e sindaco di Grugliasco, Pd.

«È inaccettabile che l’Amministrazione comunale metta il proprio stemma ufficiale su un’iniziativa che è una sfacciata manifestazione politica – proseguono – Inaccettabile che ci sia un partito che crede, in questo modo, di appropriarsi di un tema significativo come quello della legalità. Che ad una iniziativa simile non siano stati invitati relatori espressione di altre aree di pensiero e di impegno sociale. È inaccettabile che proprio quel partito, che in occasioni meno importanti abbia sempre sostenuto che il logo del Comune non dovesse essere utilizzato per eventi non istituzionali, e che non dovesse mischiarsi con le attività dei partiti, oggi dimostri una vera e propria doppia moralità, per cui il bene è sempre e solo da una parte, la loro, e tutto il male è riconducibile a chi sia portatore di istanze e sentimenti differenti».

Una critica che sarà tradotta anche in un’interrogazione da sottoporre approssimo Consiglio: «Crediamo sia indispensabile un intervento del sindaco, espressione di una forza indipendente e circoscritta al territorio di Volpiano, perché venga posto rimedio a questo vulnus inflitto alla correttezza dei rapporti istituzionali tra forze diverse, e riconduca certi temi al patrimonio di tutti e non all’arroganza di pochi», concludono. «Credo che quanto viene contestato sia un po’ fuori luogo – replica il primo cittadino Gianni Panichelli – Volpiano aderisce da anni ad Avviso Pubblico, a prescindere da chi ne sia il presidente. E proprio in collaborazione con Avviso Publico è stata organizzata questa serata.Vale la pena ricordare che è la seconda iniziativa che viene promossa sul tema della legalità nel corso del mio mandato, e a breve ne sarà proposta una terza. Passi di un cammino che riserverà molte altre tappe. L’incontro non è organizzato certo per parlare di politica, ma per trattare un tema specifico e importante come quello della legalità».

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img