domenica 27 Novembre 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

VERCELLI – “NO” alla fusione tra Lenta e Gattinara

Decisione presa in seguito ad un referendum consultivo regionale

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:

VERCELLI – Il Piemonte dice un altro ‘No’  al progetto di fusione tra i due Comuni che le amministrazioni comunali Lenta e Gattinara, in provincia di Vercelli, avrebbero voluto realizzare.
“L’esito del Referendum consultivo regionale – commenta Andrea Cane, eletto in Consiglio regionale del Piemonte, che per la Lega Salvini ha la delega agli Enti locali – che si è svolto nella giornata di ieri è lampante: alla domanda ‘Volete l’istituzione di un nuovo Comune denominato Gattinara mediante fusione dei Comuni di Gattinara e di Lenta in provincia di Vercelli’ la risposta è stata negativa. Le cittadine ed i cittadini di entrambi i paesi, con la loro scelta assolutamente democratica, hanno espresso un chiaro messaggio: non vogliono essere parte di una comunità più grande.


“Forse sarebbe stato meglio chiudere il discorso fusione con un semplice stop – sottolinea in rappresentanza del comitato per il no ‘non conFondiamoci’ Angelo Abbagnano, già sindaco di Lenta dal 1999 al 2009 – deliberando nei Consigli comunali di Lenta e Gattinara la revoca della volontà di fusione, sicuramente avremmo fatto risparmiare soldi alle Amministrazioni pubbliche di ogni grado. Ma visto che tutto questo non è stato fatto, ha parlato il voto dei cittadini”.


“Ci tengo a ricordare – ha proseguito il responsabile Enti locali per la Lega Salvini Piemonte Andrea Cane – che la fusione di Comuni non è obbligatoria, nessuno potrà mai esautorare un Comune italiano, anche il più piccolo, dal suo diritto di decidere autonomamente circa il suo futuro. Con l’Assessore alla Montagna Fabio Carosso stiamo inoltre lavorando per modificare la norma attuale che prevede che il Comune di dimensioni maggiori a fronte di voto positivo faccia una sorta di fusione per incorporazione del più piccolo: noi pensiamo che le regole delle aziende e della finanza valgano anche per l’identità, l’appartenenza, la cultura e le tradizioni di realtà locali in cui davvero vale il detto ‘piccolo è bello’: oggi per gli enti locali del Piemonte è una bella giornata!”.

© Riproduzione riservata

------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img