spot_img
domenica 19 Settembre 2021
domenica, Settembre 19, 2021

RIVAROLO CANAVESE – Inaugurata la sede locale della Lega (VIDEO)

Al taglio del nastro sono intervenuti diversi esponenti del partito a livello locale, regionale e nazionale

RIVAROLO CANAVESE – C’è tanto Piemonte nelle agende dei vertici della Lega, con l’on. Riccardo Molinari, Segretario Piemontese e capogruppo alla Camera, che ieri pomeriggio, venerdì 10 settembre 2021, a Rivarolo Canavese ha inaugurato la sede locale del partito e promosso la raccolta firme per il referendum di riforma della giustizia.

Il segretario della Lega è arrivato alle 18,30 nella centralissima corso Torino, nuova ‘casa canavesana’ del partito con lui il rivarolese Claudio Leone, consigliere regionale che ha fortemente voluto la sede nella sua città, il senatore Cesare Pianasso, segretario provinciale canavesano del partito e l’onorevole del Collegio Alessandro Giglio Vigna, i consiglieri regionali Cane, Fava e Gavazza.
“Con l’apertura di questa sede – spiega il presidente della Terza commissione a Palazzo Lascaris Leone – siamo a ribadire il nostro orgoglio di essere parte della Lega, di essere quel filo che ci unisce al territorio con le istituzioni, di rappresentare un linguaggio, un modo di amministrare e governare che è comune a noi tutti, fino a Salvini e Molinari. La Lega vuole essere vicina ai cittadini, allineata alle esigenze del tessuto sociale e imprenditoriale, con la filosofia dell’ascolto e di confronto che è nel nostro DNA e che si sta rivelando formula vincente anche per impostare le basi della ripartenza post pandemia”.

“La pandemia ci ha tenuti distanti – ha commentato l’onorevole Molinari – noi non siamo un partito virtuale, siamo insieme alle persone, le rappresentiamo perché prima le ascoltiamo. Stasera la Lega a Rivarolo torna tra la gente, con un luogo fisico e con l’entusiasmo che il Canavese sta dimostrando anche con i numeri dei gazebo e dei tesserati”.
Al termine dell’inaugurazione il segretario rivarolese Paolo Frija ha consegnato alcune targhe ai militanti storici mentre Riccardo Molinari si è trattenuto a lungo con i tanti convenuti.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img