lunedì 10 Maggio 2021

SAN FRANCESCO AL CAMPO – L’Amministrazione fa chiarezza sulle ville oggetto del servizio delle “Iene”

“Le ville non sono state sequestrate per 'ndrangheta, ma pignorate per fallimento. Le procedure d'asta sono di esclusiva competenza del Tribunale, il Comune è totalmente estraneo alla procedura stessa”

SAN FRANCESCO AL CAMPO – L’Amministrazione Comunale di San Francesco al Campo, in seguito al servizio delle “Iene” andato in onda ieri sera, ha voluto fare chiarezza sulla questione.

Il servizio riportava che le ville di Urbano Zucco, coinvolto nella vicenda Minotauro, erano state sequestrate e rivendute all’asta, acquistate poi dalla cognata di Zucco come presunta prestanome. Inoltre hanno appurato che le due piscine sono state realizzate abusivamente. Nel servizio è stato preso in mezzo il Comune per entrambe le questioni.

“È dovere dell’Amministrazione Comunale fare chiarezza. In primo luogo, – dichiara l’Amministrazione Comunale e in particolare il Sindaco Diego Coriascole due ville in oggetto non sono immobili sequestrati per ‘ndrangheta, ma riguardano una procedura di fallimento che ha comportato il loro pignoramento con vendita all’asta.

In secondo luogo, è opportuno sottolineare che le procedure d’asta sono di esclusiva competenza del Tribunale, ove è il Giudice dell’esecuzione a decidere sull’aggiudicazione degli immobili.

In tutto questo il Comune, non solo non ha alcun potere decisionale, ma è totalmente estraneo alla procedura stessa. Va, infine, precisato che fin tanto che non viene presentato un esposto o una autodenuncia, per segnalare un abuso edilizio, il Comune non può essere in grado di avere piena contezza di tutto ciò che avviene all’interno delle proprietà private.”

E conclude: “Ad ogni modo, oggi che si è stati edotti di tali difformità, sarà nostra cura adottare gli opportuni provvedimenti, avviando le procedure di legge nei confronti di un cittadino che la Pubblica Amministrazione ha il dovere di trattare al pari di ogni altro.
Sarà, invece, compito della Procura della Repubblica, eventualmente, far sì che la legalità venga prontamente ristabilita.”

urbanlungo

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img