mercoledì 14 Aprile 2021

CALUSIESE – Tra i siti probabili per lo stoccaggio di rifiuti radioattivi, Caluso, Rondissone e Mazzè

Il vice Sindaco della Città Metropolitana Marco Marocco ha convocato le amministrazioni coinvolte per esaminare la situazione

CALUSIESE – E’ stata resa nota la mappa dei siti nei quali potranno essere realizzate in tutta Italia le strutture per lo stoccaggio dei rifiuti radioattivi.

Lo scorso 30 dicembre la Sogin, società pubblica di gestione del nucleare, ha ricevuto dal Governo il nullaosta e nella giornata di ieri ha pubblicato sulle pagine del web www.depositonazionale.it/ la documentazione completa fino ad oggi ritenuta altamente riservata.

Sono 67 le località selezionale nelle quali esistono le condizioni tecniche per realizzare gli impianti. Dodici le aree più adatte che si trovano nelle province di Alessandria, Torino e Viterbo.

Nella nostra regione i comuni che potrebbero essere coinvolti sono Rondissone, Mazzè, Caluso e Carmagnola per quanto riguarda il territorio metropolitano di Torino e Alessandria-Castelletto Monferrato-Quargnento, Fubine-Quargnento, Alessandria-Oviglio, Bosco Marengo-Frugarolo, Bosco Marengo-Novi Ligure, e ancora l’area fra Alessandria-Castelletto-Quargnento e l’area Bosco Marengo-Novi, per la provincia di Alessandria.

Non appena ricevuta la notizia della proposta di localizzazione dei siti per le scorie radioattive il vicesindaco della Città metropolitana di Torino, Marco Marocco, ha convocato per oggi pomeriggio un incontro con le amministrazioni coinvolte per esaminare la situazione. L’iniziativa è stata presa anche dai vertici della Provincia di Alessandria.

Da dove arrivano le scorie nucleari
urbanlungo

Leggi anche...

spot_img