mercoledì 27 Gennaio 2021

RIVAROLO – 41enne di Cuorgnè entra al Centro di Igiene Mentale armato di coltello

Ha minacciato il medico perchè voleva l'invalidità al 100 ; arrestato

RIVAROLO CANAVESE – I Carabinieri di Rivarolo Canavese, hanno arrestato, in flagranza di reato, per violenza aggravata e resistenza a Pubblico Ufficiale: R.T., di anni 41, residente a Cuorgnè, di fatto senza fissa dimora, disoccupato, pregiudicato.

La vicenda è accaduta ieri sera, intorno alle 20 a Rivarolo Canavese.

L’uomo, sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, si è presentato armato di un lungo coltello in acciaio presso il Centro di Igiene Mentale della città pretendendo che il medico redigesse un certificato attestante la sua invalidità al 100%, ritenendo che l’integrale riconoscimento della percentuale di infermità gli sarebbe valso un aumento della pensione attualmente percepita dall’INPS.

I carabinieri della Compagnia di Ivrea, allertati dal medico che intanto è riuscito a chiudersi all’interno dello studio medico per attendere i soccorsi, giunti sul posto si sono trovati davanti l’uomo, in evidente stato di agitazione, che brandiva il coltello e pronunciava frasi sconnesse, minacciando di farsi del male, dapprima puntando il coltello alla gola, per poi rivolgere l’arma contro i militari costringendoli ad indietreggiare. Nella circostanza, i carabinieri, dopo averlo tranquillizzato, approfittando di un momento di distrazione, si sono avventati con prontezza sul 41enne e sono riusciti a disarmarlo e immobilizzarlo, nonché ad arrestarlo.

Il Tribunale di Ivrea, dopo aver convalidato l’arresto, all’esito del giudizio direttissimo ha applicato la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.

urbanlungo

Leggi anche...