martedì 22 Giugno 2021
martedì, Giugno 22, 2021
spot_img

TORINO – Cinque casi di violenza contro le donne negli ultimi mesi all’attenzione della Polizia

I compagni di queste 5 donne sono stati ammoniti dal Questore di Torino

TORINO – Federica ha scoperto che il suo convivente fa uso di droga. Il suo carattere è cambiato e sta diventando sempre più aggressivo e le chiede in continuazione soldi che lei fa fatica a dargli. Una mattina, accecato dall’ira per il suo rifiuto, dopo aver preso a calci il cane, la colpisce all’orecchio con un manico di scopa, causandole un trauma cranico e lesioni all’apparato acustico.

Fathia è incinta del terzo figlio. Suo marito da un po’ di tempo è diventato aggressivo e quando si arrabbia la insulta, la denigra e rompe gli oggetti di casa. Anche quel giorno, per un banale litigio ha infranto il vetro della porta. Poi se la prende con lei: tirandola per i capelli, la scaraventa a terra sopra i cocci di vetro infranto e la schiaffeggia.

Dolores subisce continue aggressioni del marito, appena arrivato dal Perù, ossessionato dalla gelosia. Un giorno, mentre parla al telefono con un’amica, lui le si avvicina e la strattona per sapere con chi parla. Lei cerca di allontanarlo seccata e lui allora le dà una testata in volto causandole la rottura del setto nasale con prognosi di 20 giorni.

Sofia è a casa del suo fidanzato. Hanno litigato e lei adesso non vuole avere rapporti sessuali.  Lui la spinge sul letto, si mette a cavalcioni su di lei e la colpisce sul volto e sul ventre. Sofia riporta trauma cranico e contusioni al torace e all’addome.

Svetlana, da poco in Italia, conosce un suo connazionale con il quale ha un figlio. Lui però ha il vizio di bere e quando è ubriaco diventa violento. Una sera, mentre sono in cucina per preparare la cena, iniziano a litigare e lui afferra la pentola che è sul fornello acceso, piena d’acqua bollente e cerca di tirargliela addosso. Fortunatamente Svetlana riesce a scansare il getto. Il compagno, ancora più arrabbiato, la colpisce con calci e pugni, incurante delle sue urla e della presenza del bambino.

5 casi di violenza domestica declinata in tutte le sue forme: fisica, psicologica, sessuale ed economica, giunti negli ultimi mesi all’attenzione della Divisione Polizia Anticrimine della Questura, grazie all’intervento delle volanti chiamate ad intervenire, qualche volta dalle stesse vittime, altre dai vicini di casa.

I compagni di queste 5 donne sono stati ammoniti dal Questore di Torino per le lesioni e le percosse di cui si sono resi responsabili ai danni delle loro partner, cosa che ha permesso di bloccare sul nascere l’escalation della violenza, anche in quei casi in cui la vittima non ha inteso denunciare l’aggressore.  L’ammonimento è infatti un provvedimento di diffida a cessare qualsiasi comportamento violento, la cui efficacia è stata comprovata dall’esperienza di questi anni, anche grazie al fatto che permette di inviare l’aggressore a seguire un percorso di gestione delle proprie emozioni, mentre la vittima viene invitata ad usufruire dei servizi legali e psicologici dei centri antiviolenza.

urbanlungo
spot_img
spot_img
spot_img