martedì 2 Marzo 2021

CORONAVIRUS – Confermato: Piemonte, Calabria, Lombardia e Valle d’Aosta zone rosse (VIDEO)

In vigore da venerdì 6 novembre; monitoraggio continuo e nuove ordinanze in seguito

CORONAVIRUS – Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte l’ha confermato questa sera in conferenza stampa, subito dopo l’emissione dell’ordinanza del Ministero della Salute: Piemonte, Calabria, Lombardia e Valle d’Aosta sono inserite nella zona rossa.

Puglia e Sicilia nella zona arancione e le restanti (Abruzzo Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Prov. Trento e Bolzano, Sardegna, Toscana, Umbria e Veneto) sono state inserite nella zona gialla.

“Nessuna Regione in zona verde – ha dichiarato Conte – perchè in Italia la situazione è ovunque grave”.

Le misure entreranno in vigore da venerdì 6 novembre fino al 3 dicembre. Periodicamente però, si presume ogni 14 giorni, in seguito al monitoraggio, verranno emesse nuove ordinanze e la situazione potrebbe cambiare.

Vediamo le misure:

ZONA GIALLA, LIVELLO CRITICITA’ MEDIO/BASSO: (Abruzzo Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Prov. Trento e Bolzano, Sardegna, Toscana, Umbria e Veneto)

Vietato circolare dalle 22 alle 5 del mattino salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute. Raccomandazione di non spostarsi durante il giorno se non per motivi di salute, lavoro, studio, situazioni di necessità.

Giorni festivi e prefestivi (sabato e domenica) chiusura centri commerciali ad eccezione di farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, alimentari, tabaccherie ed edicole situati all’interno.
Chiusura Musei e mostre.

Didattica a distanza per le scuole superiori, fatta eccezione per gli studenti con disabilità e in caso di uso di laboratori; didattica in presenza per scule dell’infanzia, scuole elemnetari e medie. Chiuse le Università salvo alcune attività per le matricole e laboratori.

Riduzione fino al 50% per il trasporto pubblico ad eccezione del trasporto scolastico.

Sospensione attività sale giochi, scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie.

Chiusura di bar e ristoranti alle 18. Asporto consentito fino alle 22. Nessuna restrizione per consegna a domicilio.

Chiuse piscine, palestre, teatri, cinema. Aperti i centri sportivi.

ZONA ARANCIONE, LIVELLO CRITICITA’ MEDIO/ALTO: (Puglia e Sicilia)

Vietato circolare dalle 22 alle 5 del mattino salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute.

Vietato spostarsi da una Regione ad un’altra e da un Comune all’altro, salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute.

Raccomandazione di evitare spostamenti durante il giorno all’interno del Comune.

Chiusi bar e ristoranti 7 giorni su 7; Asporto consentito fino alle 22. Nessuna restrizione per consegna a domicilio.

Giorni festivi e prefestivi (sabato e domenica) chiusura centri commerciali ad eccezione di farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, alimentari, tabaccherie ed edicole situati all’interno.
Chiusura Musei e mostre.

Didattica a distanza per le scuole superiori, fatta eccezione per gli studenti con disabilità e in caso di uso di laboratori; didattica in presenza per scule dell’infanzia, scuole elemntari e medie. Chiuse le Università salvo alcune attività per le matricole e laboratori.

Sospese prove preselettive e selettive dei concorsi che si svolgono in presenza, ad eccezione di quelle per medici e operatori sanitari e Protezione Civile.

Riduzione fino al 50% per il trasporto pubblico ad eccezione del trasporto scolastico.

Sospensione attività sale giochi, scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie.

Chiuse piscine, palestre, teatri, cinema. Aperti i centri sportivi.

ZONE ROSSE, CRITICITA’ ALTA: (Piemonte, Calabria, Lombardia e Valle d’Aosta):

Vietato spostamento anche all’interno del proprio comune in qualsiasi orario salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute. Vietati gli spostamenti da una Regione all’altra e da un Comune all’altro.

Bar e ristoranti chiusi 7 su 7; Asporto consentito fino alle 22. Nessuna restrizione per consegna a domicilio.

Chiusi i negozi fatta eccezione per supermercati, beni alimentari e di necessità; restano aperti edicole, tabaccherie, farmacie, parafarmacie, lavanderie, parrucchieri e barbieri. Chiusi i centri estetici.

Uffici pubblici in presenza solo per attività indifferibile.

Didattica a distanza per superiori, seconda e terza media; chiue le università salvo specifiche eccezioni (medicina e tirocini).

Sospese prove preselettive e selettive dei concorsi che si svolgono in presenza, ad eccezione di quelle per medici e operatori sanitari e Protezione Civile.

Sospese tutte le competizioni sportive salvo quelle riconosciute di interesse nazionale da CONI e CIP. Sospese attività nei centri sportivi.

Consentita attività motoria nei pressi della propria abitazione e attività sportiva solo all’aperto e in forma individuale.

Chiusura Musei e mostre.
Chiuse piscine, palestre, teatri, cinema. Sospensione attività sale giochi, scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie.

Riduzione fino al 50% per il trasporto pubblico ad eccezione del trasporto scolastico.

urbanlungo



Leggi anche...